Nainggolan: “-15 alla Juve? Sapevo sarebbe uscito fuori qualcosa di inaspettato. SPAL? Pronto ad aiutare De Rossi”

Radja Nainggolan, ex centrocampista di Roma ed Inter, ha parlato della penalizzazione della Juve e della SPAL di De Rossi.

Radja Nainggolan, ex centrocampista di Roma ed Inter, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli:

Radja Nainggolan, calciatore

“Spalletti? Gli auguro di vincere lo scudetto che non ha vinto in passato. Io con lui mi son sempre trovato bene, lo sento ancora oggi, è un uomo che mi ha dato tanto. A Napoli sta sfruttando i giocatori nel modo migliore, si vede che gli azzurri sono molto uniti e di conseguenza molto forti. Il mio ritorno in campo? Adesso sto facendo un tatuaggio (ride ndr.) anche se di spazio libero ne ho poco. -15 alla Juve? Alla fine ho sempre provato a vincere contro i più forti, ma come vedi c’era qualcosa che è uscito fuori in un momento inaspettato. La mia Roma, con Spalletti, avrebbe meritato lo scudetto. Eravamo forti, ma sbagliavamo contro le piccole, mentre vincemmo entrambe le gare di Milano ed a Napoli. Il Napoli sta meritando di stare lì in alto, se continua così sarà difficile batterli alla lunga. De Kateleare? Sapevo ci avrebbe messo un po’ di tempo per ambientarsi nel campionato italiano, in fondo è ancora molto molto giovane. Anche Origi è un giocatore fantastico e non sta trovando la sua dimensione. De Rossi e la SPAL? Oggi l’ho sentito, abbiamo un’amicizia importante che va oltre il calcio. Se ha bisogno di me gli posso dare una mano. La SPAL non è l’unica squadra che mi vuole, ma cerco un progetto interessante. Daniele è al suo primo anno da allenatore e sono pronto ad aiutarlo. Festeggiamenti a Napoli con Spalletti? Meglio di no, festeggerei diversamente da lui”.

ti potrebbe interessare