Lobotka: “Napoli, sogno lo Scudetto. Ecco perché devo ringraziare Spalletti”

Stanislav Lobotka, centrocampista del Napoli, ha rilasciato un'intervista in esclusiva ai microfoni di Napoli Magazine.

Stanislav Lobotka, centrocampista del Napoli, ha rilasciato un’intervista in esclusiva ai microfoni di Napoli Magazine:

 Sei diventato un punto di riferimento per il Napoli di Spalletti, cosa è cambiato in questi ultimi mesi? Ora tutti ti vedono più forte e più in forma, come disse Hamsik dal primo momento… 

“E’ difficile dire cos’è cambiato nello specifico. Probabilmente non è cambiato niente, semplicemente mi sono allenato duramente, cercando di essere professionale sin dal ritiro pre campionato. Non è stato semplice, ma ora mi sento bene, sono felice e sto giocando. Voglio aiutare la nostra squadra a raggiungere il nostro sogno”.

– Spalletti ha dichiarato che sei il suo Pizarro: per il tuo modo di giocare, ti rivedi in lui? 

“E’ difficile dirlo, ma di sicuro se il mister mi ha paragonato a lui mi fa piacere. Pizarro è stato un grande giocatore. Gioco in quella posizione, è vero, sono qui per divertirmi e spero di rendere felici i tifosi, mentre mi godo la vita e il calcio”.

– Il Napoli è in lotta per lo Scudetto, l’obiettivo è ancora possibile?

“Nella vita tutto è possibile. Sappiamo che è ancora possibile, ma sappiamo pure che è molto difficile. Mancano 9 partite e ci sono 3 squadre che aspirano a diventare campioni. Noi siamo concentrati su noi stessi, sulle nostre partite, vogliamo terminare nel migliore dei modi la stagione”.

– Osimhen è stato decisivo a Verona, per le sue caratteristiche può rendere meglio con le tre mezze punte rapide ai lati o anche con un attaccante come Mertens accanto a lui?

“Parliamo di due giocatori molto bravi. Osimhen e’ più veloce, quando viene lanciato a campo aperto, ed il lavoro di chi gli sta attorno e’ importante. Mertens è molto bravo in zona d’attacco, sa individuare spesso i passaggi giusti da fare, ci permettono entrambi di avere piu’ soluzioni di gioco, sono davvero forti tutti e due”.

– Quanto dispiacere c’è per la sconfitta in Napoli-Milan? Si dice spesso che questa squadra ha poca personalità e poco carattere nei momenti clou, pensi invece che sia stata solo una partita storta?

“Non una gara storta, semplicemente, con tutto il rispetto per le altre squadre, abbiamo affrontato il Milan. Hanno degli ottimi calciatori e sono una buona squadra. Sia noi che loro, quando siamo al top, siamo formazioni difficili da affrontare. In quella partita probabilmente ci è mancata un po’ di fortuna, perche’ ricordiamo che il Milan ha segnato con Giroud dopo un tiro sbagliato, che e’ diventato un assist per lui”.

– Preferisci giocare in un centrocampo a due con Fabian o in un centrocampo a tre con Fabian e Anguissa?

“Posso giocare sia con un centrocampo a due che con un centrocampo a tre. Penso a sfruttare nel migliore dei modi le occasioni che mi vengono date, al di la’ del tipo di cenrocampo. Mi trovo bene con i miei compagni di reparto, cio’ che conta e’ vincere e fare in modo che il nostro sogno possa avvicinarsi”.

– Il Napoli ha lanciato una campagna di sensibilizzazione contro la guerra in Ucraina, eppure a Verona ci sono stati episodi molto gravi, dallo striscione che invitava a bombardare Napoli ai soliti cori razzisti, cosa ti senti di dire?

“Penso che tutti stiamo combattendo contro la guerra, non solo l’Ucraina. E’ un discorso che riguarda il mondo intero. Nessuno vuole la guerra e la campagna di sensibilizzazione attuata dal Napoli credo che sia stata un’idea opportuna”.

– Degli attuali compagni di squadra, con chi hai legato di più? Mandagli un messaggio whatsapp attraverso noi per caricarlo in vista della prossima partita…

“Mi trovo molto bene con Zielinski, per la lingua che e’ simile come pure la mentalità. E’ piu’ facile, per questo motivo, comunicare con lui. Al di la’ di quest’aspetto, devo dire che mi sono integrato molto bene nel gruppo, parlo con tutti, anche con Rrahmani ed Elmas ho un bel rapporto, essendo dei Paesi Balcani come me. Il messaggio whatsapp che gli mando e’ questo: pensiamo a segnare e a vincere le partite!”.

– Saranno 9 finali per giocarsi il primo posto o pensi che Inter e Milan siano più favorite? 

“Inter e Milan hanno piu’ punti di noi, per questo hanno piu’ possibilita’. L’Inter deve recuperare una partita col Bologna, ma questo non significa che non ci sono ancora margini. Non e’ facile affrontare le cosiddette squadre piccole, l’abbiamo visto anche con il pari tra Atalanta e Genoa. Tutti hanno possibilita’, noi dobbiamo pensare solo a combattere per provare a vincere queste ultime 9 gare”.

– Nonostante il ritorno della Juventus, la qualificazione in Champions stavolta non sembra lontana…

“Ci sono tante squadre che puntano ad andare in Champions, perche’ e’ una competizione che piace tanto ai tifosi e la vedono tutti in tv. La Champions regala grandi emozioni, noi ci teniamo a far bene e contiamo di regalare questa gioia ai nostri supporters”.

– Il tuo contratto scade nel 2025, dove sogni di arrivare con la maglia del Napoli?

“Vincere lo Scudetto, ma sappiamo che non e’ semplice. Nei prossimi 3 anni spero di riuscirci, per cui posso dire che questo e’ il mio sogno a lungo termine. Per ora pensiamo a vincere queste ultime partite e poi si vedrà”.

– Nella prossima stagione chi vedresti come capitano del Napoli?

“E’ difficile dirlo, perche’ non so chi ci sara’. Ce ne sono tanti, da Koulibaly e Zielinski, che hanno tante presenze nel Napoli. Loro hanno gia’ indossato la fascia, quando non c’era Insigne. Prima pero’ serve capire chi ci sarà, oggi non e’ facile fare una previsione”.

– Il tuo saluto a “Napoli Magazine” e la promessa ai tifosi del Napoli… “Combatteremo al massimo delle nostre possibilita’ per provare a portare lo Scudetto a Napoli, questa e’ la mia promessa. Il massimo impegno non mancherà in queste ultime partite, perche’ ci teniamo a far felici i nostri tifosi, Forza Napoli Sempre!”.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

Il presidente della Salernitana Iervolino ha detto la sua a proposito delle notizie di mercato che avvicinano Cavani alla Salernitana

Calcio, Sport

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha parlato ai margini della celebrazione dei 130 anni de Il Mattino della situazione del calcio attuale ed anche del suo club