Ulivieri: “Se in Serie A si gioca così bene è merito degli allenatori”

Renzo Ulivieri ai microfoni di Radio Goal

Renzo Ulivieri, in esclusiva durante la trasmissione Radio Goal, in onda su Radio Kiss Kiss Napoli tra le 13 e le 16, ha parlato della qualità degli allenatori italiani. Di seguito le sue considerazioni:

“Sono molto contento degli allenatori italiani che stanno facendo bene qui e all’estero. Questo sta a significare che la nostra scuola ha una tradizione alle spalle grandissima. Il tirocinio che fanno i nostri allenatori dal punto di vista tattico ha un’incidenza incredibile.”

“La bellezza è emozione e per questo non si può parlare di calcio più bello, si va sul gusto. Credo che gli allenatori debbano far coincidere l’essenzialità del gioco, cioè il buttare la palla in porta, con il senso estetico.”

“Una volta quando si andava a giocare a San Siro ci si faceva il segno della croce. Oggi quando succede si va con l’idea di giocare. Ormai decidono di attaccare tutti con tanti uomini, sia le piccole che le grandi, un tempo con 2-3 ci si sentiva in pericolo. Sicuramente attaccando con tanti uomini c’è il rischio di rimanere uno contro uno dietro, e per questo alla base dei corsi di oggi c’è un nuovo modo di difendere.”

“Milan-Juventus è una partita difficile da descrivere, è stata una partita intensa in cui si pressava subito dopo aver perso la palla e per questo ne è uscita una partita sporca e non bellissima da vedere.”

ti potrebbe interessare

 Ultimissime    | Calcio, Sport

Il Napoli vince a Verona nella prima giornata di campionato di Serie A, con un gol di Kvarashkelia all’esordio, poi Osimhen, Zielinski, Lobotka e Politano

le più lette

Calcio, Sport

Luciano Spalletti, allenatore del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni in conferenza stampa prima di Napoli-Torino.

Calcio, Sport

Giuseppe Bruscolotti, ex calciatore del Napoli, a Radio Goal ha risposto ad Antonio Cassano che ha attaccato gli ex compagni di Maradona

Calcio, Sport

La Partita della Pace 2022 sarà dedicata a Diego Armando Maradona. La kermesse allo stadio Olimpico prevedrà una parata di stelle