SSC Napoli, caso ammutinamento: la decisione del Collegio Arbitrale

Il Collegio Arbitrale da ragione al Napoli: Elseid Hysaj condannato a pagare una sanzione pari a 40 mila euro.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

5 novembre 2019: un giorno spartiacque nella storia recente del calcio Napoli. Gli azzurri allenati da Carlo Ancelotti pareggiano 1-1 al San Paolo contro il Salisburgo. La società decide per il ritiro immediato, ma la squadra si rifiuta. Ecco che scoppio il caso ammutinamento. E’ di oggi la prima sentenza ufficiale del Collegio Arbitrale che da ragione alla società azzurra.

Il comunicato del Napoli

SSC Napoli Spa comunica che, in data odierna, è stato pubblicato il primo lodo arbitrale relativo alle proposte di multa riguardanti i componenti della Prima Squadra nella stagione sportiva 2019-2020, per i fatti successivi alla partita di UEFA Champions League Napoli – Salisburgo del 5 novembre 2019.

Con tale provvedimento, il Collegio Arbitrale previsto dall’Accordo Collettivo LNPA/AIC/FIGC ha disposto, nei confronti del calciatore Elseid Hysaj, la sanzione della multa di € 40.000,00, riconoscendo, così, la legittimità del ritiro disposto dal club e la conseguente violazione contrattuale da parte del calciatore che non rispettò la direttiva impartita dal Club. All’Avv. Mattia Grassani, che ha brillantemente difeso la società partenopea, vanno i più sinceri ringraziamenti.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

La prima pagina del quotidiano Il Corriere dello Sport di oggi, 1 dicembre 2021

Calcio, Sport

La prima pagina del quotidiano Il Mattino di oggi, 1 dicembre 2021

Calcio, Sport

Assenti anche i lungodegenti Obiang e Romagna

Calcio, Sport

Out Manolas. Il difensore non prenderà parte alla trasferta di Reggio Emilia per gastroenterite

Calcio, Sport

Ulivieri a Radio Goal: “Spalletti si sta dimostrando un grande gestore. La sua bravura sta nel coinvolgere tutti i calciatori”