Thiago Motta: “Affronteremo la gara a modo nostro. Vedremo cosa saremo in grado di fare”

Alla vigilia di Napoli-Spezia, le dichiarazioni di mister Thiago Motta in conferenza stampa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Domani sera, lo Spezia concluderà il proprio 2021 allo stadio Maradona contro il Napoli. L’allenatore Thiago Motta ha esternato le sue considerazioni nella conferenza stampa pregara.

Empoli – “Con l’Empoli, mi è piaciuto che siamo stati squadra fino alla fine. Non dobbiamo dimenticare che affrontavamo una squadra in forma e che gioca molto bene. Nel primo tempo. Potevamo essere più alti e coraggiosi nella fase di non possesso, mentre, nella fase di possesso, potevamo approfittare in fase di recupero e capire i momenti in cui attaccare veloce.
Anche nelle prossime partite dovremo capire quando muovere la palla e attaccare con tutta la squadra.”

Napoli-Spezia – “Mi aspetto il miglior Napoli possibile, anche se alcuni giocatori importanti non stanno giocando.
A questo livello chi entra può mantenere il livello della squadra e lo abbiamo visto contro il Milan. Affronteremo la gara a modo nostro. Sarà una partita bella da giocare contro una squadra di grandissimo valore, costruita per lottare per il campionato e vedremo cosa saremo capaci di fare“.

Stadio Maradona – “Che sia pieno, è meglio. Giocare partite così è bellissimo e, per essere a questo livello, dobbiamo saper controllare le emozioni. Quando parliamo di una squadra, si va su tante cose, ma la testa, per me, conta tantissimo. E’ un momento importante, ci serve per capire a che punto siamo e a che livello siamo in questo momento.”

Classifica – “Per il momento, i numeri dicono che, con questa tendenza e a +3 dal terz’ultimo posto. la quota salvezza può essere più bassa. Durante un campionato, però, può succedere di tutto. Negli scorsi anni, abbiamo visto squadre iniziare fortissimo per poi calare e avere difficoltà a rimanere in Serie A e squadre che, dopo dieci giornate, sembrano vincere il campionato e, alla fine, non arrivano nemmeno in Europa League. Sta a noi continuare a dare il massimo, lavorare al meglio e approfittare delle partite per portare punti a casa.”

ti potrebbe interessare

le più lette