Specchia: “Barak calciatore utile. Micheli? De Laurentiis voleva trasformarlo in un dirigente, ma…”

Paolo Specchia, allenatore, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli:

Antonin Barak, centrocampista della Fiorentina

“Barak è un giocatore utile, di rendimento. Mi ricordo quando discutevo del rendimento di Zielinski, io dissi che l’affidabilità di Barak, dal punto di vista della resa, sarebbe servita anche al Napoli. Oggi però, per un giocatore venire a Napoli è un problema. Il calcio vive di suggestioni e supposizioni. I danni fatti da Garcia sono stati enormi, ma i rimedi apportati da Mazzarri sono inesistenti. L’atteggiamento dei calciatori non mi sembra incisivo. La voglia di tornare a Napoli di Mazzarri ha significato un concedersi a De Laurentiis, ma per riappropriarsi di un sogno è stato troppo morbido anche nel porsi con i giocatori. Mazzarri ha un’esperienza che gli può permettere di ribaltare la situazione. Però tutti i calciatori scontenti lo sono perchè la società non s’è mossa in tempo. De Laurentiis ha un limite, è sicuro di conoscere tutto del calcio. Pensava che il Napoli lo potesse allenare chiunque, ma non era così. Pensava di trasformare Micheli in un maneger quando è solo un ottimo scout. De Laurentiis ha fatto errori troppo grossi, si sente onnipotente. Era troppo importante trattenere Spalletti, ma soprattutto ha scelto un allenatore così diverso che si sono visti i risultati. Mercato? Il Napoli ha bisogno di due centrocampisti. Perez? A me piacerebbe Le Normand, uno forte e carismatico. Onestamente non conosco benissimo Perez. Natan non è ancora affidabile, ancora non è un calciatore da Napoli”.

ti potrebbe interessare