Spalletti: “vittoria contro la Cremonese è stata una prova di maturità”

 Luciano Spalletti ha parlato della vittoria del Napoli contro la Cremonese in conferenza stampa:

È stata la gara che si aspettava? Cosa l’ha risolta?
“È stata una partita complicata perché la Cremonese ultimamente gioca un buon calcio e ha reso la vita difficile a tanti. A Lecce ha fatto un risultato importante, si dà per scontata la classifica ma quella della Cremonese non è veritiera perché meriterebbe di più e qui viene fuori la complicazione della partita di oggi, c’era una squadra organizzata che dopo il pareggio ci ha reso la vita difficile perché non siamo stati bravi a tenerla sulle nostre caratteristiche e quando la partita cambia in questa maniera qui si complica tutto”.

È stata la prova della maturità?
“Si, ce la siamo meritata attraverso uno scorrimento che non rispecchia le nostre qualità. La squadra è stata matura a portare a casa un risultato importantissimo. La Cremonese si chiudeva bene, su queste pallate ripartiva bene e aveva chiaro cosa fare sulle ripartenze. Non diventa facile mantenere il possesso e andare a cercare gli spazi per entrare mantenendo comunque l’equilibrio per la prevenzione della perdita di palla. Il terzo gol è merito di Kvara, si scrive Lozano marcatore ma va dato a lui, così capisce che è come se l’avesse fatto lui”.

Cosa sta dando Simeone a questo Napoli? Sembra portare grande vivacità anche fuori dal campo
“Io vedo più di un ragazzo come lui, come Olivera a cui non ho ritagliato moltissimo spazio e invece quando entra si fa sempre trovare pronto come quando ho alternato Politano e Lozano. Quest’anno si vede che tutti cercano di valorizzare i minuti in cui giocano. Simeone per nazionalità, caratteristiche individuali e entusiasmo e voglia di affermarsi riesce subito a trasferire nel giocato la garra che ha. Lui viene anche penalizzato in alcune scelte, ma se io faccio al contrario mi ritrovo con Simeone che ha giocato 70′ e non ha la forza che ha avuto nel gol del 2-1. Un conto è entrare con la cattiveria che ha lui, una cosa è farlo negli ultimi 20 minuti dopo che ne ha giocati 70′”

La Cremonese è una delle poche squadre che ha tenuto il vostro ritmo, il Napoli ha vinto quando ha saputo battagliare. È una vittoria diversa dalle altre?
“Sì, è un’estensione a livello di squadra di quelle che sono le nostre capacità. Dobbiamo essere bravi a giocare a ritmi internazionali, ma a volte ci adattiamo a ritmi italiani. Noi dobbiamo invece mantenere gli altri, perchè siamo noi che determiniamo il ritmo della partita e dobbiamo portarlo dove abbiamo più qualità. Però ripeto che davanti avevamo una grandissima Cremonese. Faccio i complimenti a Massimiliano, il fatto che l’ho portata a casa è un extra complimento per i calciatori”.

Il filotto rispetto allo scorso anno è peggiore, ma sembra che le cose vadano meglio
“Vedo che nelle vittorie, le giocate e il modo di stare in campo siamo maturati in confronto allo scorso anno. Abbiamo giocato su campi difficilissimi, non è scontato portarle a casa tutte le partite. Noi siamo in condizione e vogliamo continuare a fare così, dobbiamo forzatamente migliorare sulle cose che non ci piacciono”

Alvini ha detto che il rigore è stato generoso, che ne pensa? E cosa augura al suo collega, di cui è grande amico?
“Per come abbiamo visto il rigore dalla panchina dico che è rigore, se bisogna fare questo giochino allora devo mostrare lo stinco di Mario Rui a inizio azione. A Kvara sono state messe le mani addosso per tutta la partita e ha ricevuto anche qualche comportamento che non si fa, forse perché deve ancora entrare in confidenza con il nostro calcio e il nostro modo di comportarsi in campo, così non si fa. Poi la partita è scorsa su dei binari corretti, ma all’inizio c’erano continue perdite di tempo, a rinviare ci volevano 25 secondi. Sono situazioni che il calcio moderno ha sorpassato. Ad Alvini auguro il meglio possibile perché è un grande allenatore e gli auguro di portare a casa i suoi obiettivi di questa stagione. Lo aspetto a Napoli che oltre ad averlo vicino gli faccio un regalo”

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

Il Brasile vince il girone nonostante la sconfitta contro il Camerun di Anguissa, che abbandona il mondiale a vantaggio della Svizzera

Calcio, Sport

Storico successo della Corea del Sud di Kim Min-Jae. La squadra di Paolo di Bento batte il Portogallo ed elimina l’Uruguay di Mathias Olivera

Calcio, Sport

Report allenamento per il Napoli ad Antalya in Turchia. Gli azzurri preparano le due amichevoli con Antalya e Crystal Palace

Calcio, Sport

Il Marocco ha battuto 2 a 1 il Canada e si è qualificato agli ottavi di finale di Qatar 2022 grazie alle reti di Ziyech ed En Nesyri.

Calcio, Sport

Il Belgio di Lukaku è fuori dal Mondiale in Qatar dopo lo 0 a 0 ottenuto contro la Croazia. fatali gli errori dell’attaccante dell’Inter