Spalletti: “Insopportabili le offese a mia madre per 90 minuti. L’arbitro? Mi è piaciuto”

Il Napoli pareggia 0-0 a Firenze dopo una gara molto fisica e ne parla Luciano Spalletti in conferenza stampa all’interno del ventre dello stadio Franchi:

Cosa si porta via dal Franchi? Perché ci sono stati certi insulti, problemi tra lei e Firenze?
“Un problema tra me e Firenze? E perché non l’intera Toscana o l’Europa? Porto via un punto, meritato e difficile. La partita è stata complicata, le squadre si sono affrontate a viso aperto e ci sono state occasioni di qua e di là. La nostra linea difensiva un paio di volte ha dovuto lavorare in inferiorità numerica per trenta secondi nel secondo tempo e l’ha fatto benissimo, sbrogliando la situazione. Poi Gollini è stato bravo su un paio di interventi e la palla sulla testa di Lozano è troppo facile per buttarla fuori. I problemi sono sempre gli stessi che vengono a dirti “la maiala di tua madre” per novanta minuti con bambini vicini che guardano e ascoltano e nessuno gli dice niente. Sono anni che sento dire le stesse cose, bisogna prendere precauzioni se ci sono tre deficienti. Si dice che da tutte le parti fanno così, ma non è vero: a Napoli nessuno dice niente alla panchina dell’allenatore avversario. Si dice sempre di Napoli, ma se offendono a Firenze diciamolo di Firenze. Mia mamma ha 90 anni e ho solo quella, la maleducazione di questo livello è una cosa impossibile”.

Come ha visto i nuovi?
“Mi aspettavo qualcosa di più quando ho fatto tutti quei cambi. Consideriamo che la Fiorentina aveva giocato tre giorni fa, sono stati bravi a stare in campo con forza fino all’ultimo. Non abbiamo dato l’impennata di freschezza, contro certe squadre devi andarti a cercare l’uno-contro-uno a campo aperto”.

Le è piaciuto l’arbitraggio?
“Molto, nel secondo ha riequilibrato un po’ le cose… Sapevo che ci fosse questa ricerca di un arbitraggio all’inglese, con contatti dei quali si dovrebbe smettere di far parlare gli opinionisti”.

Cosa direbbe oggi di Kvaratskhelia?
“Ha già avuto modo di farsi apprezzare ed essere conosciuto da compagni, dirigenti e tifosi del Napoli. Ha la volontà del calciatore giovane che vuole mettersi in luce e sulle spalle ha il messaggio di una nazione, la Georgia. Ora è un po’ frenetico perché vuole far vedere il suo valore tutto insieme, deve stare calmo e aspettare il momento giusto”.

Come affronterete il tour de force del calendario? Sente che sia il campionato più equilibrato degli ultimi anni?
“Sappiamo la nostra storia e la nostra ambizione, non abbiamo altra scelta se non andare a giocare partite tentando di fare i protagonisti. Non possiamo nasconderci. In costruzione è stata persa qualche palla di troppo ma la volontà dei giocatori era di vincere la partita. Bisogna alzare la qualità in costruzione. Per il resto abbiamo fatto quanto dovevamo”.

Come giudica la forma atletica della sua squadra?
“Non ho visto grandi difficoltà su questo, ma semmai nella qualità di vedere uomini liberi sulla trequarti e nei passaggi. Sotto questi aspetti ho visto cose al di sotto delle nostre possibilità ma dal punto di vista fisico mi è sembrato tutto bene”.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

Come riportato dal sito ufficiale della SSC Napoli, quest’oggi sono tornati ad allenarsi a Castel Volturno sia Lobotka che Zielinski

Calcio, Sport

Tommaso Bianchini ha parlato dell’espansione del marchio SSC Napoli in Georgia e in Corea del Sud con gli arrivi di Kim e Kvaratskheila

Calcio, Sport

Di seguito il report dell’allenamento quotidiano del Napoli: le ultime su Matteo Politano e Victor Osimhen, entrambi infortunati