Spalletti: “Avevamo i giocatori di tre giorni fa. Su Lozano c’era il rosso, dubbi sul primo giallo a Fabian”

Le dichiarazioni in esclusiva di mister Luciano Spalletti rilasciate dopo la cocente e pesante sconfitta casalinga contro la Fiorentina.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Dopo la cocente e pesante sconfitta casalinga nell’ottavo di finale della Coppa Italia che ha decretato l’esclusione del Napoli dalla competizione, mister Luciano Spalletti ha rilasciato in esclusiva un’intervista ai microfoni di Radio Kiss kiss Napoli.
Queste le sue dichiarazioni.

PARTITA PIENA DI EPISODI E CROLLO NEI SUPPLEMENTARI – “Dentro c’erano giocatori presenti anche tre giorni fa e i subentranti erano fuori da diverso tempo. Quindi, ci ha creato qualche problema aver tirato a lungo nel minutaggio. Però, la dovevamo gestire meglio quando siamo stati in superiorità numerica, sull’1-1 e sul 2-1 per loro.

PRIMO TEMPO EQUILIBRATO – “Secondo me sì. Non siamo riusciti a pressarli altissimi perché sono anche le caratteristiche dei calciatori, quando giochi con due punte, che non hanno questa qualità di andare addosso forte. Però, il problema maggiore viene da un’impossibilità di condizione fisica generale in questo momento. Molti di loro hanno tirato la carretta ed hanno avuto difficoltà nel recuperare“.

PROTESTE SULL’ESPULSIONE DI LOZANO – “Rivedendolo, non avendolo visto bene prima, Lozano ci mette il piede anche se non riesce a toccare la palla pur cercando di alleggerire ed ammorbidire l’entrata. Probabilmente, c’è il rosso e, quindi, Ayroldi ha fatto bene. I miei dubbi arrivano quando da la prima ammonizione a Fabian Ruiz che ha fatto lo stesso fallo di Duncan. Quello che possiamo fare, però, è vedere quello che potevamo fare noi e non quello che potevamo ricevere dagli altri“.

STRASCICHI – “Questa partita ci lascia dispiacere perché i giocatori, quando fanno partite lottate come oggi anche se in difficoltà, meriterebbero di essere premiati. Invece, vai fuori quando nei prossimi turni avevi la possibilità di gestirla in maniera diversa perché ti rientravano i calciatori“.

TUANZEBE – “E’ stato bravo perché inserirsi subito in una linea difensiva e nei meccanismi non è mai facile e ha fatto quello che ci aspettavamo da lui“.

BOLOGNA-NAPOLI – “Il problema è che dobbiamo recuperare. Se tu recuperi calciatori dopo che sono statu per dieci giorni a casa, quando rientrano, non ti possono fare la partita di livello e di pressione continua“.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

La prima pagina del quotidiano Il Mattino di oggi, 27 gennaio 2022

Calcio, Sport

Il turno degli ottavi di finale di Coppa d’Africa ha riservato una clamorosa sorpresa e, purtroppo, anche gravi fatti di cronaca

Calcio, Sport

Dopo il successo contro la Salernitana, il Napoli ha ripreso oggi gli allenamenti

Calcio, Sport

Le dichiarazioni di Giovanni Cobolli Gigli, ex presidente della Juventus, intervenuto nell’appuntamento pomeridiano di Radio Goal