Spalletti a DAZN: “Dopo il Milan è stata durissima, ma c’è ancora la possibilità di inserirci”

Le parole del tecnico azzurro al termine del match contro il Verona

Luciano Spalletti, allenatore del Napoli, dopo la vittoria sul campo dell’Hellas Verona è intervenuto al microfoni di Dazn. Di seguito le sue considerazioni sulla prestazione di Osimhen“Victor non ha ancora la percezione della distanza dall’avversario, a volte viene incontro e la colpisce di testa con l’avversario a cinque metri, quando invece potrebbe stoppare. Dopo averla pulita deve scaricare facile e ripartire da metà campo perché ha forza, gamba, velocità”.

La prestazione – “Abbiamo fatto una buona partita, di attenzione, sacrificio in alcuni momenti. Abbiamo tirato fuori quelle qualità di carattere, di contrasto che a volte ci mancano. E probabilmente se riusciamo a mantenere questo livello qui abbiamo la possibilità ancora di inserirci“.

Vlahovic-Osimhen – “Io non faccio paragoni. Vlahovic è un campione e se una società come la Juventus lo va a prendere è segno che ha tutte quelle cose per essere uno di quel livello lì per giocare in quella squadra lì. Osimhen è un calciatore top, ha tutto dalla sua, come l’età. E’ un bravo ragazzo, ce la mette tutta, vuole essere a disposizione. Quando si comincia a parlare di qualità tecniche, di tempi, di che abbocco do al difensore… Su queste cose qui deve migliorare”.

Reazione post-Milan – “E’ stata pesantissima, perché sei in quell’ambiente che hai ricreato giusto, la partita può darti il visto per essere in lotta per qualcosa che è la gioia per un tempo infinito e poi dentro la partita non riesci a essere te stesso, anche con un po’ di sfortuna perché noi non abbiamo fatto malissimo, è stato bravo il Milan a giocarci addosso e a sfruttare una situazione su una palla che potevamo evitare. A quel punto ti crolla tutto e il sentimento delle persone lo subisce perché i tifosi sono così innamorati di questi colori che tu puoi allontanarti quanto vuoi ma poi il dispiacere loro lo provi. Ma i tifosi ci stanno vicino, oggi l’hanno dimostrato. Tuttavia l’amarezza resta tanta”.

Hellas Verona“Questa è una squadra che ti aspetta al varco, Tudor sta facendo un grandissimo lavoro. Sanno sempre come e cosa fare quando hanno la palla, oltre al lavoro uomo su uomo. Girano bene palla, sono una squadra forte. Farsi trovare pronti a giocare dentro queste difficoltà è stato un bel segnale da parte dei miei calciatori. Oggi si sono guadagnati la pagnotta”.

L’esclusione dal 1′ di Zielisnki – “Zielinski non ha giocato una partita… Sempre sto giochino se uno non gioca: lui deve allenarsi e fare quello che ha sempre fatto. Deve fare lo Zielinski, allenarsi con più forza se non gioca una partita e quando entra per fare 10′ deve dare il massimo. E’ normale che uno non giochi una partita. Fabian, Lobotka e Anguissa hanno tenuto palla e fatto diga in maniera corretta davanti alla partita. Può succedere in una rosa come quella del Napoli di restare in panchina. Quando l’allenatore non mi sceglieva, quando ero un calciatore, mi mettevo in cima all’allenamento per farmi vedere che ero pronto per la prossima”.

Corsa Scudetto – “Il Napoli deve guardare a se stesso, fare quelle partite con attenzione, forza, continuità. E metterci qualcosa anche in più perché la piazza lo vuole, la situazione è stimolante e abbiamo possibilità importanti per giocarcela”.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

Scelta la sestina di arbitri per Napoli-Torino: il direttore di gara sarà Massimi di Termoli. Al VAR ci sarà, invece, Valeri

Calcio, Sport

La SSC Napoli ha pubblicato il report dell’allenamento informando sulle condizioni di Matteo Politano. Rientrati in sei dalle nazionali