Sissoko: “Assurdo che nel 2021 si parli di razzismo. Osimhen ha tutto per diventare un numero 1”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Momo Sissoko, ex calciatore di Liverpool e Juventus, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Kiss Kiss Napoli:

“Non è bello per il calcio italiano ciò che è successo a Koulibaly. Cose del genere non devono succedere nel calcio come nella vita. Siamo tutti fratelli e dobbiamo convivere a prescindere dal colore della pelle e dalla religione. Assurdo che nel 2021 accadano ancora queste cose. Io ho girato e giocato in tanti paesi: se devo dire la verità per me l’Italia non è un paese razzista. Ci sono però persone ignoranti contro cui dobbiamo combattere. Sono molto dispiaciuto di dover parlare ancora una volta di razzismo. Bisogna farla finita e la gente che conta nel calcio deve far qualcosa subito affinché non accada più un episodio del genere. La Coppa d’Africa è come l’Europeo per i giocatori italiani. Vincerla fa si che la gente del tuo paese non ti dimentichi più. Per una Nazionale africana vincerla è più importante che vincere un mondiale. Certo è che non è bello che si giochi nel bel mezzo della stagione, bisognerebbe cambiare il periodo in cui si svolge. Dopo averla giocata si torna un po’ stanchi, è vero. Poi dipende da dove si gioca. Se si gioca in un paese più o meno caldo. Però so che la Federazione africana ha fatto le cose per bene per rendere i campi da gioco ottimali. Anguissa come Vieira? Andiamoci piano. Io lo conoscevo dai tempi del Marsiglia e non mi sembrava così forte. Però è cresciuto grazie alle esperienze in Spagna e Inghilterra. Se continua così verrà riscattato a giugno senza dubbio. Osimhen diventerà un grande calciatore, ha la caratteristiche per essere un numero 1”.

A cura di: Marcello Calvano

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare