Sassuolo, la conferenza di Dionisi: “Contro il Napoli per dimostrare la nostra crescita”

Le parole del tecnico del Sassuolo, Alessio Dionisi, alla vigilia della partita contro il Napoli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Dopo la bella vittoria di San Siro contro il Milan, il Sassuolo di Alessio Dionisi aspetta il Napoli di Luciano Spalletti, vittorioso in casa contro la Lazio, nella gara valida per la 15a giornata di Serie A. Il tecnico dei neroverdi ha presentato la partita nella consueta conferenza stampa.

VALORE“Ci attende una partita non facile, vorrei rivedere la stessa attenzione vista contro il Milan. Ieri abbiamo parlato alla squadra di applicazione, fase difensiva, andando ad evidenziare alcuni elementi che non sempre ci sono stati. Contro il Napoli vogliamo dimostrare di essere cresciuti anche da questo punto di vista.

GIOCO “Molti gol vengono da un’aggressione alta, è vero, ma non sempre ci riesce bene. Anche vero che le qualità del Milan non ci hanno permesso di aggredire alto, così come difficilmente accadrà domani con il Napoli viste le loro qualità. Se saremo compatti risulterà più facile”.

SCAMACCA “Lui è molto bravo, noi allenatori ne dobbiamo parlare di meno. Ci sono dei ragazzi, come lui, che vogliono migliorarsi e supportarli per me vuol dire parlarne poco“.

SPALLETTI Non vedo l’ora di conoscerlo e stringergli la mano, anche lui è passato dall’Empoli ed è toscano. Ho molta stima per lui, lo apprezzo per i risultati che ha fatto. Per fortuna in campo ci vanno i giocatori”.

NAPOLI “Senza Osimhen c’è Mertens, che copre il ruolo benissimo e sta trovando continuità in un ruolo che aveva già ricoperto benissimo. Ovvio, Osimhen ti allungava la squadra e Mertens fa giocare di più, ma non devo raccontare io la forza del Napoli, ha giocatori importanti”.

CAMBI “Ci dobbiamo adattare in base all’avversario che troviamo. In questo momento giochiamo bene, ma se dovessimo cambiare qualcosa lo faremo senza problemi. Ad oggi abbiamo un buon equilibrio, ma qualche settimana fa si parlava di altro. Noi vogliamo giocare sempre a viso aperto, ma dipende sempre da chi affronti. Non tutte hanno lo stesso approccio alla partita e per noi risulta difficile, dato il tipo di gioco che vogliamo proporre”.

SCUDETTO “Non so se andrà via dalle “tre”, ma sbagliamo già a considerare l’Atalanta una “piccola”, che gioca alla pari delle big d’Europa.

BOGA “Vedremo se rischiarlo, ad ora è recuperato ma dobbiamo fare ulteriori valutazioni nell’allenamento odierno”.

SASSUOLO “Ci meritiamo la classifica che abbiamo, quasi insperata prima di Milano. Sappiamo che abbiamo ottenuto meno di quanto seminato, ma per me non è sfortuna. Ognuno ha quello che si merita”.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

Renzo Ulivieri ai microfoni di Radio Goal

Calcio, Sport

Evaristo Beccalossi ai microfoni di Radio Goal

Calcio, Sport

Il futuro del tecnico è sempre più azzurro