Renica: “Prosciugato dalle lacrime: Diego buono ed altruista”

Alessandro Renica, ex compagno di Maradona al Napoli, a Radio Kiss Kiss Napoli: “Persi una delle mie gemelline. Pieno di tranquillanti, mi chiamò Maradona. Mi diede forza e coraggio e alla fine tutto andò bene. Mi disse: “Pregherò tutti i giorni per la tua piccola e vedrai che se la caverà”. Tutto ciò che Diego diceva, si verificava. Solo da ieri riesco a parlare dopo la scomparsa di Diego. Io ed i miei compagni ci siamo prosciugati di lacrime. E’ dura, alle volte mi sveglio e spero che sia un incubo. Poi realizzo che è tutto vero e si riapre una ferita che non so se si ricucirà mai. Diego era un personaggio molto grande: ha ricevuto omaggi in tutto il mondo. In troppi volevano entrare nella sua vita e nei suoi interessi. Noi compagni eravamo una goccia in un oceano, col senno di poi avremmo potuto fare qualcosa in più per lui. Il Sindaco di Napoli ha fatto benissimo ad intitolargli lo stadio. Avrei voluto che si fosse fatto quando era in vita, per rendere onore a cosa a fatto per la città. Maradona è un uomo da raccontare per gli episodi di bontà, altruismo, beneficenza. Fummo invitati, io e Diego, dal figlio del Prof. Iannelli per visitare un reparto di oncologia. Il Prof. ci avvisò che avremmo visto delle cose “forti”. Sapevamo comunque che avremmo regalato sorrisi ai bimbi. Ci fecero entrare, accarezzammo i bambini. C’era un bimbo in fin di vita, ridotto purtroppo malissimo, che sorrise quando Diego gli regalò la maglia. Era il suo sogno e Maradona lo accontentò”.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

Diramato il calendario ufficiale della Serie A 2022 2023, il Napoli partirà fuori casa contro il Verona poi la prima al “Maradona” col Monza

Calcio, Sport

Il Sindaco di Castel di Sangro, Angelo Caruso, ha annunciato l’amichevole tra Napoli e Mallorca in programma il 30 luglio