Reggia di Caserta, lavori di restauro alla Fontana Margherita

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Iniziati i lavori di restauro della Fontana Margherita nel Parco Reale della Reggia di Caserta.
La fontana è stata già oggetto nel 2020 di interventi di sistemazione delle sedute in pietra e di eliminazione della siepe.

La vegetazione è stata rimossa perché oltre essere una causa di degrado della parete nella sua conformazione originale, non consentiva di leggere l’articolazione architettonica dello spazio che costituisce lo snodo iniziale del sistema di fontane realizzato da Carlo Vanvitelli, sulla base della rielaborazioni dei disegni del padre Luigi.

Il progetto prevede interventi sulla parte vegetale e su quella architettonica. Per ciò che riguarda le quinte arboree che incorniciano lo spazio della fontana, gli alberi e le siepi saranno potati e sagomati secondo il tipico disegno a sedia, con muro verde fino all’altezza di 8 metri. La parete architettonica, in intonaco finto bugnato, è oggetto di uno specifico intervento di restauro preceduto da una puntuale mappatura e da specifiche indagini diagnostiche.

Per gli elementi in pietra, posti lungo il perimetro della fontana (rocchi di colonna, bordo di contenimento) saranno effettuati interventi di pulitura, consolidamento e protezione finale. È prevista, inoltre, l’attività di rimozione e ricollocazione dei vasi in terracotta in modo da restituire il decoro complessivo allo spazio, eliminando gli elementi danneggiati che verranno trasferiti nei depositi, e consentire un nuovo allestimento floreale lungo l’intero bordo della fontana.

Gli interventi riguardano anche la parte superiore alla Fontana Margherita, quella sovrastante il Ponte di Ercole. Per la componente architettonica, verranno eliminati gli intonaci recenti distaccati, con successivo rifacimento e tinteggiatura. Le operazioni saranno supervisionate da un restauratore per segnalare la eventuale presenza di lacerti di intonaci originari. Per la tinteggiatura si farà riferimento ai dati d’archivio e a quanto rilevabile in sito. Verrà, inoltre, sostituito il rivestimento improprio attualmente presente sulle rampe di salita con cotto artigianale.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare