Ranucci: “De Laurentiis sanguigno. Lega Serie A con troppi debiti, devono imparare”

Sigfrido Ranucci di Report è intervenuto a Kiss Kiss Napoli per parlare della puntata di "Report" dedicata all'inchiesta sulla Juventus
Italian conductor Sigfrido Ranucci during the broadcast Report. Rome (Italy), November 26th, 2022 (Photo by Massimo Insabato/Archivio Massimo Insabato/Mondadori Portfolio via Getty Images)

Sigfrido Ranucci di Report è intervenuto a Kiss Kiss Napoli. L’autore della nota trasmissione RAI, ha parlato a “Radiogoal” della puntata dedicata all’inchiesta “Prisma” e dell’organizzazione della Lega Serie A: “De Laurentiis personaggio sanguigno, ma ad avercene perché in Italia presidenti così non ce ne sono più. Anche dal punto di vista della gestione societaria è uno dei pochi in regola. Il nostro calcio, infatti, somma ormai 4 miliardi e mezzo di debiti, e questo denota una grande fragilità. Così si finisce spesso nelle mani degli stranieri, senza sapere da dove vengono questi soldi. Praticamente consegni un pezzo d’Italia a gente che non sai neanche chi sia, come coperto da un burka. Noi da sempre abbiamo trattato puntate sul calcio, fa parte del nostro mestiere. Perché il calcio è un bene sociale, ma ha intrapreso una deriva paurosa. La Juve si è “rizelata” della scelta del periodo di trasmissione del servizio, ma noi abbiamo semplicemente riportato tutti i fatti. Da questi emergono accuse per Andrea Agnelli, con tre scudetti vinti truccando le carte di bilancio. Una società quotata in borsa deve sempre rendere conto agli azionisti su come utilizza i soldi, ma non vogliamo sostituirci alla Procura, saranno loro a fare le indagini. Però emergono particolari come quella carta privata con Cristiano Ronaldo, con il suo entourage che richiede quei 19 milioni che la Juve gli aveva promesso. Per non parlare delle plusvalenze, dove non si può avere un carattere oggettivo della materia. Magari il nostro calcio potrebbe farsi guidare dalla coscienza, per tirarsi fuori da questo ampasse”.

ti potrebbe interessare