Ranucci: “Nel calcio c’è più omertà anche rispetto alla Mafia”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Sigfrido Ranucci, giornalista della Rai e conduttore di “Report”, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli:

“L’omertà che c’è nel calcio è superiore rispetto a quella della criminalità organizzata. Abbiamo un dossier non ancora pubblicato, in base al quale ci sarebbero oggi 2 miliardi di euro di transazioni finanziarie illecite nel mondo del calcio. Le transazioni riguardano le intermediazioni. Una cifra che cambierebbe le sorti di qualche piccola Nazionale. Racconteremo il ruolo della nuova generazione di agenti. Nelle mafie ci sono più pentiti rispetto al calcio. Un pentito del calcio però l’abbiamo incontrato. E ci ha raccontato un po’ di cose. Abbiamo scoperto che ci sono procuratori, tra i più importanti al mondo, che hanno sedi fittizie a Malta, ad esempio. Sedi che non hanno neanche un dipendente. Se fai intermediazione in Italia, dovresti aprire una partita IVA e pagare le tasse, anche se la tua sede è fuori. Ringraziamo la Figc per la disponibilità mostrata. Perchè manca la volontà di tracciare questi flussi di danaro che provengono dalle intermediazioni? Abbiamo intervistato Mario Giuffredi, procuratore anche di alcuni calciatori del Napoli. Giuffredi ci ha messo la faccia rispetto ad altri. Ci ha spiegato bene alcune dinamiche. Emerge la figura di qualche procuratore spregiudicato, di qualche direttore sportivo anche di importantissimi club, che in maniera occulta sarebbero titolari di centri di scommesse all’estero”

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare