Prof. Ascierto: “Il vaccino è l’argine giusto per fermare il Covid”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Il Professor Paolo Ascierto, direttore del Dipartimento di Melanoma e Terapie Innovative dell’Irccs Pascale di Napoli, è stato ospite negli studi di Radio Kiss Kiss Napoli dove ha rilasciato alcune dichiarazioni nel corso dell’informazione sportiva: “Il virus continua a circolare, però guardiamo all’esempio della UK che a gennaio aveva numeri eccessivi e ieri il numero delle vittime era ridottissime. Vaccinare tutti è l’argine giusto per limitare questa pandemia. La differenza dei vaccini? Tutti validi per creare la proteina per creare anticorpi contro la proteina spike. Nel Dna c’è il codice genetico della proteina spike, la differenza sta sul come si ottiene questa immunizzazione, non esistono vaccini di serie A o di serie B. Astrazeneca? Qui c’è stato un problema di comunicazione. La sperimentazione fu fatta dai 18 ai 65 ed è risultata sicuro. E non ci sono stati danni, per questo si fa una preferenza sulla fascia d’età. Troppa gente in strada? A giugno c’è stata quella sensazione del tana libera tutti, se il virus continua a circolare c’è il pericolo di portare il sistema sanitario al collasso. A maggio avevamo un numero delle infezioni molto contenuto si deve tornare a quel rigore. Il vaccino protegge al 100% dalla malattia grave. Obbligo vaccinale per il personale sanitario? Sono favorevole perché chi lavora negli ospedali deve proteggere i propri pazienti. Se il livello di vaccinazione sarà al 70% se non ci saranno delle varianti particolari credo che per fine anno potremmo tornare ad una sorta di normalità. Insomma vedremo la luce fuori dal tunnel. Stadi aperti a giugno? Con questi numeri non me la sento di essere favorevole ad una riapertura. Il problema sono gli assembramenti prima o dopo il match, c’è la tv e basta ed avanza. Sinceramente riaprirei prima altro. Il rinvio di Juve-Napoli? Sono un sanitario e sono stato d’accordo con quella decisione. Però dopo quello che è successo direi che il protocollo doveva essere rivisto. Il virus circola, a chi sottovaluta il problema direi di sentire le testimonianze di chi si è ammalato per capire la criticità del momento che stiamo vivendo. Chi lo ha avuto deve avere solo una dose di vaccino ma non prima dei 3 mesi dalla negativizzazione e non dopo i 6. Perchè i vaccini provocano effetti post inoculazione? La febbre è un meccanismo di difesa ed attiva le citochine del sistema immunitario, questa risposta provoca anche stanchezza e debolezza. Ma è tutto normale. La mascherina va cambiata, però dipende anche dal tipo. Sarebbe bene farlo massimo dopo due giorni qualunque tipo essa sia. In questo momento non parlerei di turismo. Il problema sono gli assembramenti, però se ci sono delle norme di sicurezza da rispettare bisogna farlo. Riapriamo i ristoranti perché stanno vivendo un momento molto difficile e se si rispettano le norme di sicurezza si può fare. Riaprire gli stadi? Dipende soprattutto da come sta andando il piano vaccinale, se questo avverrà verso inizio maggio con le inoculazioni di massa allora si può pensare di riaprirli al pubblico per l’inizio degli Europei, ma sinceramente non mi sbilancerei. Astrazeneca è un ottimo vaccino, sono tutti buoni ed hanno tutti la stessa dignità. Basta pensare che in Uk la metà dei 27 milioni di vaccinati sono stati inoculati con AZ. I differenti prezzi dei vaccini? Il costo di produzione del vaccino non è elevato le differenze di prezzo sono adesso difficilmente spiegabili. Sono dinamiche complesse ma è importante spiegare che sono tutti validi e riguardano solo la produzione e non la validità. La conservazione dei vaccini a temperature molto rigide? Diciamo che è difficile mantenere la catena del freddo, perché i vaccini a mRna sono facilmente deperibili”

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

Il tecnico azzurro ha commentato il match pareggiato a Reggio Emilia

Calcio, Sport

Il Napoli si fa raggiungere da 2-0 a 2-2 dal Sassuolo, Spalletti resta al primo posto, ma Milan e Inter si avvicinano rispettivamente a -1 e -2

Calcio, Sport

Spalletti punta ancora su Mertens in attacco, con Insigne e Lozano ai suoi lati. Dionisi conferma il suo tridente made in Italy

Calcio, Sport

La prevendita dei biglietti per il match vanno a gonfie vele

Calcio, Sport

L’ex tecnico azzurro ha elogiato il collega