Pistocchi: “Il sistema calcio in Italia è un’azienda tecnicamente fallita!”

Le dichiarazioni di Maurizio Pistocchi intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli, nell'appuntamento pomeridiano di Radio Goal.

Ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli, nell’appuntamento pomeridiano di Radio Goal, è intervenuto il giornalista ed opinionista televisivo Maurizio Pistocchi.
Queste le sue dichiarazioni.

ZERBIN – “Sicuramente è un buon giocatore. Spesso, però, vedo che, nell’esigenza di creare nuovi fenomeni, si tenda a sopravvalutare le prestazioni di alcuni giocatori mentre, in altri casi, non se ne capiscono le potenzialità. A volte, le valutazioni dei cosiddetti ‘esperti’ non sono così coerenti. Detto questo, sono tutte cose che lasciano il tempo che trovano. Zerbin gioca in Serie B e deve ancora dimostrare tanto. Se ci riuscirà, diventerà sicuramente un giocatore importante“.

VLAHOVIC ALLA JUVENTUS NONOSTANTE I DEBITI – “Tutto è possibile nel variegato mondo del calcio. Le quattro squadre più indebitate (Juventus, Inter, Milan e Roma), negli ultimi tre anni, hanno bruciato un miliardo e 300 milioni di euro. Questo viene consentito da regolamenti che non vengono applicati perché, altrimenti, come disse qualche anno fa il presidente della Federazione Tavecchio, in Serie A giocherebbero solo due squadre. Abbiamo letto proprio ieri su ‘La Gazzetta dello Sport’ l’accorato appello di De Siervo che chiede soldi allo Stato ma sarebbe ora che il calcio cominciasse a far vedere di avere intenzione di risolvere alcune problematiche: rispettare le regole, autoregolamentarsi, punire gli illeciti, verificare quali società non si comportano in maniera corretta. Il sistema calcio, a differenza di quello che succede nelle altre leghe europee, in Italia è indebitato per 4,5 miliardi di euro contro un fatturato di 3,5 miliardi. Tecnicamente, questa è un’azienda fallita e, di fronte a una situazione di questo tipo, bisognerebbe fare rispettare le regole. Poi, i tifosi vedono quello che succede dalle altre parti e se la prendono con i dirigenti della loro società che cercano di tenere in equilibrio i costi, come nel caso del Napoli. In questi giorni, abbiamo sentito dire da De Laurentiis che il Napoli avrà un tetto agli ingaggi. Fa benissimo a gestire così la società perché, prima o poi, i nodi vengono al pettine. L’Inter ha dovuto rifinanziare un bond da 451 milioni di euro con un costo di interessi che va pagato. La Juventus può fare tanto perché ha Exor alle spalle che, in questi ultimi dieci anni, ha ricapitalizzato per 1 miliardo di euro“.

INTER FAVORITA PER LO SCUDETTO? – “Io ho sempre detto, sin dall’inizio del campionato, che vedevo Inter e Milan in pole position. Mi sembra che il Milan sia in un calo abbastanza evidente per l’età di alcuni suoi giocatori e per alcuni spifferi che vengono dall’interno dello spogliatoio dove non ci sarebbe più quell’identità di vedute che c’era un po’ di tempo fa. E’ rimasto il Napoli che, potenzialmente, gioca il miglior calcio del campionato. Per chi apprezza il calcio che si basa sulla tecnica individuale, sul possesso della palla e sulla copertura del campo, è quella che, esteticamente, gioca il calcio migliore. Ha raggiunto il secondo posto in classifica e, probabilmente, si giocherà contro l’Inter molto di questo campionato. Evidentemente, molto dipende dall’Inter che ha un vantaggio considerevole e deve recuperare una partita. Però, ci sono questa partita e il derby e tutto è ancora molto aperto. Bisogna fare veramente i complimenti a Spalletti che ha fatto un lavoro grandioso: ha valorizzato le seconde linee, ha dato identità e ha costruito una squadra che gioca un football piacevole e redditizio anche senza interpreti importantissimi. In questo mese di gennaio, è riuscito a fare un bottino di punti che nessuno si aspettava. Lobotka, per esempio, è diventato, come già fece Spalletti all’Inter con Brozovic, quel giocatore che muove la palla e favorisce tecnicamente la pulizia del gioco“.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

Luciano Spalletti, allenatore del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni in conferenza stampa prima di Napoli-Torino.

Calcio, Sport

Giuseppe Bruscolotti, ex calciatore del Napoli, a Radio Goal ha risposto ad Antonio Cassano che ha attaccato gli ex compagni di Maradona

Calcio, Sport

La Partita della Pace 2022 sarà dedicata a Diego Armando Maradona. La kermesse allo stadio Olimpico prevedrà una parata di stelle