Pioli: “Mi aspetto un Napoli determinato, attento e intenso come lo sarà anche il Milan”

Le dichiarazioni di Stefano Pioli, tecnico del Milan, nella conferenza stampa di vigilia della delicata sfida contro i partenopei
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Stefano Pioli, tecnico del Milan, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni nella conferenza stampa alla vigilia di Milan-Napoli, scontro al vertice della 18a giornata del campionato.

Calo – Prima, avevamo corso in maniera esagerata vincendo quasi tutte le pertite e accumulando dei punti di vantaggio. Loro hanno avuto lo stesso nostro percorso, pur con delle difficoltà all’inizio. Noi facciamo la corsa solo su noi stessi. Le nostre due ultime prestazioni contro Liverpool e Udinese non sono state le migliori possibili e la squadra ne è consapevole. Domani, il livello dei nostri avversari è alto e tale deve essere il livello della nostra prestazione

Infortuni – “Sono assolutamente ottimista per il futuro. Abbiamo cercato di incrementare il lavoro di prevenzione e recupero, di analizzare bene i carichi, di stimolare i giocatori ad essere sempre più attenti e precisi nei lavori quotidiani. Sono convinto che la situazione stia migliorando”.

Reazione della squadra – “Come sempre, ci siamo buttati nel nostro lavoro, c. In questi giorni ho visto grande partecipazione e voglia di fare bene. Tutti, tranne Hernandez che ha avuto dei problemi, si sono allenati molto bene con attenzione, intensità e qualità”.

Sosta – La pausa natalizia ti permette solo di recuperare e di preparare la partita con la Roma. I ragazzi, adesso, devono essere concentrati su queste due partite; poi, avranno qualche giorno di stacco perché è giusto. Poi, prepareremo il mese di gennaio, importante ed impegnativo.

Hernandez e Diaz – “Theo, a causa dell’influenza, ho svolto solo personalizzato e, allo stato attuale è più sì che no. Su Brahim, è chiaro che il Covid lo abbia debilitato. Ora deve solo ritrovare quelle giocate che rientrano nel suo repertorio”.

Gennaio e Coppa d’Africa – Sono sempre favorevole alla tutela della salute dei calciatori ma non ho le situazioni per esprimere giudizi in questi termini. La società prenderà la scelta migliore in base alle situazioni.

Inter – Non capisco perché si parla di un’altra squadra. Io sono molto contento dei miei giocatori e dobbiamo continuare così”.

Napoli – “Sappiamo entrambi l’importanza della partita. Mi aspetto un Napoli determinato attento e intenso come lo sarà anche il Milan”.

Trequarti – “Le difficoltà stanno nello scegliere i giocatori migliori con cui iniziare la partita e avere alternative valide con caratteristiche diverse per modificare certe situazioni che magari non vediamo sul campo”.

Realismo positivo – “Ci sta accompagnando da un paio di anni. Abbiamo certezze, convinzioni e qualità. Abbiamo sbagliato qualche partita ma il gruppo è talmente intelligente e consapevole da capire che deve fare meglio per mantenersi al vertice. L’obiettivo è continuare a crescere e migliorare. Abbiamo le qualità e il sostegno dei tifosi per riuscirci”.

Il tecnico, infine, ha risposto brevemente a domande dal web sulla chiave tattica, sulle caratteristiche da sfruttare nella patita contro il Napoli e sulla squadra Primavera.

ti potrebbe interessare

le più lette