Perinetti: “Diego era di una sensibilità straordinaria, un privilegio lavorare con lui”

  Giorgio Perinetti, direttore sportivo del Brescia, ha rilasciato alcune dichiarazioni su Radio Kiss Kiss Napoli: “Ho avuto la fortuna di essere nel Napoli doveva giocava Maradona. Un privilegio per me. Raccontarlo calcisticamente non ha senso. Il campo parla per lui. Quello che ho apprezzato di lui è la sensibilità dell’uomo, nel rapporto che aveva con gli amici, nel rispetto che aveva per i compagni e per gli avversari. Incuteva timore agli avversari ma tutti lo rispettavano. Ricordo quando si allenava, voleva che la sua squadra in partitella non perdesse mai. Nessuno ha avuto lo stress e la pressione che ha avuto lui nel sostenere il suo ruolo. Quanto varrebbe oggi Maradona? Non può esistere. Non c’è considerazione economica. Anche quando si fanno paragoni, dico sempre che Diego è stato il più grande del suo tempo, come Pelé è stato il più grande del suo tempo. Non ha senso paragonare il massimo. Sono paragoni che non si possono fare. Cruijff non è stato il numero uno al mondo perché davanti a lui c’era Maradona. Sivori non è stato il numero uno al mondo perché davanti a lui c’era Pelé”.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

Diramato il calendario ufficiale della Serie A 2022 2023, il Napoli partirà fuori casa contro il Verona poi la prima al “Maradona” col Monza

Calcio, Sport

Il Sindaco di Castel di Sangro, Angelo Caruso, ha annunciato l’amichevole tra Napoli e Mallorca in programma il 30 luglio