Perinetti: “Diego era di una sensibilità straordinaria, un privilegio lavorare con lui”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

 

Giorgio Perinetti, direttore sportivo del Brescia, ha rilasciato alcune dichiarazioni su Radio Kiss Kiss Napoli: “Ho avuto la fortuna di essere nel Napoli doveva giocava Maradona. Un privilegio per me. Raccontarlo calcisticamente non ha senso. Il campo parla per lui. Quello che ho apprezzato di lui è la sensibilità dell’uomo, nel rapporto che aveva con gli amici, nel rispetto che aveva per i compagni e per gli avversari. Incuteva timore agli avversari ma tutti lo rispettavano. Ricordo quando si allenava, voleva che la sua squadra in partitella non perdesse mai. Nessuno ha avuto lo stress e la pressione che ha avuto lui nel sostenere il suo ruolo. Quanto varrebbe oggi Maradona? Non può esistere. Non c’è considerazione economica. Anche quando si fanno paragoni, dico sempre che Diego è stato il più grande del suo tempo, come Pelé è stato il più grande del suo tempo. Non ha senso paragonare il massimo. Sono paragoni che non si possono fare. Cruijff non è stato il numero uno al mondo perché davanti a lui c’era Maradona. Sivori non è stato il numero uno al mondo perché davanti a lui c’era Pelé”.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

La società biancoceleste è stata sanzionata per Cori anti-Napoli e lancio di bengala provenienti dal Settore Ospiti

Calcio, Sport

Mercoledì al MAPEI Stadium (ore 20.45) è pronta ad abbattersi la marea azzurra

Calcio, Sport

Il giornalista a Radio Goal: “Lobotka? Devo essere onesto, ieri mi ha sorpreso. Forse mi ero fatto un’idea sbagliata su di lui”

Calcio, Sport

Il giornalista a Il bar dello Sport: “Lo spettacolo è stato indimenticabile grazie anche ad un ritrovato Mertens”

Calcio, Sport

Gli azzurri preparano il match contro il Sassuolo in programma mercoledì al Mapei Stadium alle ore 20.45