Napoli, voragine al Rione Sanità: Procura indaga per disastro

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Nella notte tra venerdì 14 e sabato 15 maggio a Napoli si è aperta una grossa voragine al Rione Sanità.
La voragine si è aperta in un’area a verde di un antico edificio nel vicoletto San Marco a Miradois, all’estrema periferia del quartiere, quasi al confine con la zona di Capodimonte.

La voragine è larga quasi trenta metri di diametro, con una profondità di diversi metri.
Le persone che risiedono nello stabile sono state allontanate e non si sa ancora quando potranno rientrare, perché l’area è stata posta sotto sequestro dalla Procura.

La Procura della Repubblica di Napoli, al momento, ipotizza il reato di disastro nel fascicolo d’indagine aperto subito dopo il cedimento. Ancora da accertare se si tratta di disastro colposo o doloso.

Secondo quanto si è appreso, “i lavori di sbancamento della massa tufacea sottostante l’area dove si è verificato il crollo, la cui liceità è al vaglio degli investigatori, avevano l’obiettivo di ampliare gli spazi a disposizione dell’un’autorimessa”. L’autorimessa, poi, è risultata intestata a una “prestanome”.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare