Napoli, sequestrate 500 tonnellate di rifiuti nel porto

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha sottoposto al sequestro all’interno del porto di Napoli 500 tonnellate di rifiuti speciali stoccati senza autorizzazione. I finanzieri del II Gruppo hanno individuato un’area di circa 500 metri quadri in cui erano ammassate tonnellate di rifiuti speciali, parte dei quali classificabili quali “pericolosi”. Il sito di stoccaggio si trovava nel più ampio contesto della concessione demaniale di una società amministrata da un 68enne puteolano. Le Fiamme Gialle hanno rinvenuto tra l’altro, cinque container contenenti rifiuti speciali e non (materiali ferrosi e in legno, lattine di vernice ancora piene), una betoniera, una gru mobile per sollevamento, due automezzi e numerosi motori per camion. All’interno di cassoni e autocarri erano poi stivati pneumatici usati, materiali ferrosi, tegole e scarti di lavorazione di varia natura. Al termine l’intera area è stata sottoposta a sequestro. Una persona è stata denunciata per attività di gestione, deposito e stoccaggio di rifiuti senza le previste autorizzazioni.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

Il giornalista sportivo a Radio Goal della sera: “Penso che il rientro in campo del capitano possa avvenire contro il Milan”

Calcio, Sport

Designato il direttore di gara

Calcio, Sport

La Uefa ha comunicato le designazioni arbitrali dell’ultima giornata della fase a gironi

Calcio, Sport

Il giornalista a Il bar dello Sport: “Gli unici centrocampisti di ruolo disponibili saranno Demme e Zielinski”