Napoli, nuova aggressione al personale del 118

Il personale di un’ambulanza del 118 di Napoli ha subìto ieri sera la prima aggressione ai medici del 2021. Ad essere aggrediti, informa su fb “Nessuno tocchi Ippocrate”, i medici della postazione 118 di Scampia, ieri sera intorno alle 22, quando erano stati allertati per un dolore toracico nel quartiere periferico di San Giovanni a Teduccio. L’ambulanza, partita dall’Ospedale del Mare dove il personale stava ripristinando i DPI, ha percorso in pochi minuti il tragitto fino al quartiere di San Giovanni, ma all’arrivo i sanitari hanno trovato un gruppo di persone inferocite che hanno iniziato a prendere a calci e pugni il mezzo di soccorso. Con grande difficoltà, e sotto minacce e offese, riporta la pagina Facebook dei medici, il medico e l’infermiere hanno raggiunto l’appartamento del paziente e lo hanno trasferito immediatamente in ambulanza, portandolo sano e salvo al pronto soccorso. Purtroppo, commentano su Nessuno Tocchi Ippocrate, c’è ancora la ‘trogloditica convinzione’ nella popolazione che l’ambulanza si trovi sotto il loro palazzo. “Inizia molto male questo 2021 per il 118 partenopeo, ricordiamo l’aggressione di inizio 2020 quando sempre a San Giovanni a Teduccio il medico della postazione Chiatamone fu investito dall’onda d’urto di un petardo perdendo l’uso momentaneo dell’udito all’orecchio destro”.

ti potrebbe interessare

le più lette

Sport>Calcio

Bobo Vieri in un’intervista a Dazn ha parlato del tecnico del Napoli Luciano Spalletti e delle sue qualità tecniche ed umane

Sport>Calcio

Si va verso il sold-out per Napoli-Genoa, ultima partita casalinga degli azzurri in questa stagione e che sarà anche l’occasione per l’ultima apparizione al Maradona di Lorenzo Insigne

Sport>Calcio

Luciano Spalletti ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida di domenica al Maradona contro il Genoa toccando molteplici argomenti

Sport>Calcio

Federico Pastorello, agente di Alex Meret, ha parlato ai microfoni di Repubblica aggiornando la situazione legata al futuro del suo assistito