Napoli-Lazio, Renzo Ulivieri: “Lo Spallettismo ha battuto il Sarrismo”

Ulivieri a Radio Goal: "Spalletti si sta dimostrando un grande gestore. La sua bravura sta nel coinvolgere tutti i calciatori"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Renzo Ulivieri è intervenuto durante la trasmissione Radio Goal, in onda su Radio Kiss Kiss Napoli tra le 13 e le 16. L’attuale Presidente dell’Associazione Italiana Allenatori ha parlato della roboante vittoria di domenica del Napoli contro la Lazio. Di seguito le sue considerazioni:

Domenica allo stadio Maradona lo Spallettismo ha battuto il Sarrismo. Contro la Lazio ho visto un super Mertens. In campo si è visto chiaramente che il calciatore aveva bisogno di giocare, di mettere minuti nelle gambe, dopo un inizio di stagione trascorso a riprendersi dall’infortunio”.

Elogio a Spalletti per la gestione del gruppo: “Questo Napoli è frutto del grande lavoro di Luciano Spalletti che si sta dimostrando un grande gestore. La bravura e l’impresa di Spalletti sta nel coinvolgere tutti i calciatori. Fino ad ora non ho sentito nessun mugugno da parte di nessun calciatore del Napoli ed il merito è tutto suo. Due esempi su tutti sono Rrahmani e Lobotka che con Gattuso praticamente non giocavano mai. Questi due calciatori hanno avuto l’intelligenza di seguire Spalletti”.

Serie A campionato per grandi allenatori: “Il nostro campionato a detta di tutti non è di alto livello, ma dal punto di vista del gioco e delle difficoltà tattiche noi siamo senza alcun dubbio il campionato più complicato. I nostri allenatori, quelli italiani sono i più bravi. Anche per gli stranieri giocare in Serie A permette loro di poter diventare un ottimo allenatore come Juric e Mihajlovic. In rampa di lancio ci sono Shevchenko e Thiago Motta”.

Empoli fucina di grandi allenatori. Ecco la spiegazione di Ulivieri: “L’Empoli ti forma a fare l’allenatore, ma anche a fare il dirigente. Le ristrettezze economiche ci sono, ma l’obiettivo è iniziare il campionato con un giocatore che vale ad esempio 8 e a fine stagione lo stesso calciatore dovrà valere 9 o 10. Chi viene ad allenare con queste idea è da Empoli, mister ‘lavoratori’ li definirei io”.

Chiusura sul caso plusvalenze: “Il calcio ha bisogno di riforme, il caso non riguarda solo la Juventus. Uno dei motivi per i quali i campioni non giocano più in Serie A è perché non siamo in grado di gestire le risorse, in questo devo dire che i club all’estero sono più bravi“.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

Il presidente della BCC Napoli a Rado Goal: “Il calcio sta tirando troppo la corda e rischia il fallimento”

Calcio, Sport

Le dichiarazioni di Massimo Giletti intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli, nell’appuntamento pomeridiano di Radio Goal

Calcio, Sport

Renzo Ulivieri ai microfoni di Radio Goal

Calcio, Sport

Evaristo Beccalossi ai microfoni di Radio Goal