Napoli, donna uccisa dall’ex compagno con dodici coltellate. Lui confessa

Ennesimo caso di femminicidio a Napoli. Questa volta la vittima è una giovane mamma che avrebbe compiuto 40 anni tra pochi mesi. La tragedia si è consumata nella notte tra il 12 e il 13 marzo, nella casa dove abitava Ornella Pinto, nel quartiere San Carlo all’Arena, a Napoli. La donna aveva lasciato il compagno da due settimane e viveva nell’appartamento insieme al bambino di quattro anni avuto dall’uomo. Quest’ultimo, Pinotto Iacomino, non si era rassegnato alla fine della loro relazione ed ha fatto irruzione in casa durante la notte. L’ennesima lite tra i due e poi la tragedia. Iacomino ha colpito la donna con dodici coltellate ed è poi fuggito. Ornella è stata portata all’ospedale Cardarelli già in gravissime condizioni e, dopo un delicato intervento, non ce l’ha fatta. L’aggressore, dopo un viaggio in auto di alcune ore, si è fermato in un commissariato dei carabinieri a Terni dove ha confessato il delitto. L’uomo è stato sottoposto a fermo ed è accusato di omicidio volontario. “Ancora un brutale femminicidio a Napoli ad opera di chi dovrebbe amare la propria compagna invece di odiarla al punto di ucciderla. Le donne, in questa pandemia, stanno pagando un prezzo altissimo sulla loro pelle. Esprimo a nome mio e di tutta la città profondo dolore e cordoglio per il brutale omicidio di Ornella e ci stringiamo attorno ai suoi veri affetti.” È la dichiarazione del sindaco di Napoli Luigi de Magistris.

ti potrebbe interessare