Napoli, dal 25 marzo la metro 1 anticipa le prime e le ultime corse

L’ANM informa che a partire da giovedì 25 marzo la Linea 1 della metropolitana di Napoli modificherà l’orario di esercizio. Le prime corse del mattino vengono anticipate da Piscinola alle ore 6:15 e da Garibaldi alle ore 6:35. Il servizio termina un quarto d’ora prima rispetto al nastro di esercizio attuale, con ultime corse serali da Piscinola alle ore 20:35 e da Garibaldi alle ore 20:55. La rimodulazione dell’offerta ANM, al momento programmata in base alla richiesta dei cittadini di un anticipo alla mattina e in ragione dell’evoluzione del quadro pandemico almeno fino al 21 aprile 2021, potrebbe subire variazioni anche in considerazione di eventuali nuove direttive governative e/o regionali relative all’andamento dell’emergenza sanitaria e agli impatti conseguenti sulle attività produttive e sull’utenza. Resta invece invariato l’orario di servizio degli impianti Funicolari di Montesanto, Centrale e Chiaia che effettuano ultime corse alle ore 22:00. Confermata la riduzione del nastro di esercizio per le Linee di superficie nella fascia oraria 5:00 – 22:00. Fanno eccezione le direttrici portanti che vengono garantite anche oltre le ore 22:00. Potenziata l’offerta nelle fasce orarie di punta della giornata per le linee a maggiore frequentazione e su quelle di collegamento con le aree periferiche di Napoli e con i Comuni limitrofi. Limitazione o riduzione dell’offerta sulle linee risultanti a minore domanda di mobilità tra cui Alibus. Restano sospese le linee bus notturne e scolastiche (servite da bus granturismo).

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

E’ stata diramata la lista per la Champions League del Napoli: lasciati fuori sia Diego Demme che Alessio Zerbin

Calcio, Sport

Luciano Spalletti, allenatore del Napoli, ha voluto mandare un messaggio ai tanti tifosi azzurri facendo una precisazione

Calcio, Sport

Il portiere del Napoli, Pierluigi Gollini, ha parlato della possibilità di vincere lo scudetto, del suo rapporto con Osimhen e il gruppo