Napoli da scudetto, Ottavio Bianchi ci crede: “Non è un sogno, anzi è realistico poter pensare di vincerlo”

Le dichiarazioni di Ottavio Bianchi a 'La città del pallone'

A La città del pallone, la trasmissione del lunedì sera in onda dalle 21 alle 23 su Radio Kiss Kiss Napoli e condotta da Valter De Maggio, è intervenuto l’allenatore del primo scudetto della storia del Napoli, Ottavio Bianchi. Di seguito le sue considerazioni su Napoli-Inter di sabato scorso:

“Il Napoli competitivo come l’Inter, ma sabato entrambe le squadre hanno avuto il braccino. Nessuna delle due ha voluto rischiare più di tanto, però la società Napoli come organizzazione di gioco e come struttura è organizzata per vincere. Scudetto? Per me non è un sogno, anzi è abbastanza realistico poter pensare di vincere il campionato quest’anno“.

Cinque cambi – “Oggi il calcio è cambiato rispetto alla mia epoca, soprattutto con l’introduzione dei 5 cambi a disposizione degli allenatori. Non è un caso che le grandi squadre italiane ed europee risolvono tante partite nei minuti finali grazie ai calciatori subentrati dalla panchina”.

Il calcio è cambiato – “I calciatori che vengono in Italia a giocare non sono più di prima scelta come accadeva tempo fa. Oggi viene chiesto ai dirigenti di fare il miracolo e individuare dei giocatori giovani, ma di livello. Talenti alla Dybala per intenderci. Ai miei tempi i migliori calciatori in circolazione giocavano in Italia, ora non è più così. Avere dei calciatori forti oggi fa la differenza, così come una squadra può definirsi ‘grande’ quando non guarda il nome dell’avversario, ma gioca sempre al top per vincere“.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

Sarà Rosario Abisso della sezione di Palermo ad arbitrare Cremonese-Napoli, in programma domenica alle ore 18

Calcio, Sport

Khvicha Kvaratskhelia, esterno d’attacco del Napoli, ha parlato al sito Uefa dopo la vittoria per 6-1 in casa dell’Ajax