Mertens sicuro: “Siamo uno squadrone! Rinnovo? Napoli a vita”

Le parole del belga

Napoli e Dries Mertens, un connubio che è una certezza. L’attaccante belga è in scadenza di contratto, e potrebbe salutare presto la città e la squadra azzurra, ma non è ancora detta l’ultima parola. Durante un’intervista al Corriere dello Sport, il numero 14 ha parlato del futuro, della squadra e del suo “piano” per il rinnovo.

RINNOVO – “Il mio piano? Segnare tanto, così De Laurentiis sarà costretto a tenermi. Più gol faccio e più lui capirà che varrà la pena farmi firmare. E poi potrò sempre convincerlo dicendo di comprare mio figlio, lo potrà tesserare, avrà un centravanti giovane, con una carriera lunga davanti a sé. Ed io non devo mollare né la casa, né tantomeno Napoli“. 

SCADENZA – “Io sto qua, aspetto e si vedrà, ma so che ci sono due strade ed una comprende l’addio. E quando arriverà quel momento a casa Mertens piangeranno tutti, io, Kat e il bambino. Qui io e la mia famiglia siamo felici. Ma credo che bisogna essere realisti, e il Napoli potrebbe non avere più bisogno di me, e spero non accada subito. Nel caso in cui questo si dovesse verificare, io tenderò la mano, sarò grato per avermi dato la possibilità di appartenere a questo mondo e di avermelo fatto apprezzare. Non dimenticherò un solo istante“.

RECORD – “Spero che De Laurentiis mi permetta di raggiungere i 250, ma dovrebbe consentirmelo. Un posto speciale nel cuore lo ha il primo gol a Firenze, quando ho duettato con Higuain. Erano momenti difficili, eravamo o io o Insigne, giocavo poco. Dopo la rete andai ad abbracciare Colombo, il nostro terzo portiere, che tempestavo di tiri in allenamento. Lui mi teneva su: aspetta e vedrai. Ebbe ragione lui“.

SQUADRA“Il rammarico c’è, la squadra c’è. Dove saremmo se Covid, infortuni e Coppa d’Africa non ci avessero sottratto tutti quei compagni? Koulibaly, Fabian Ruiz, Insigne e Zielinski nella loro fase più matura; un Di Lorenzo che le gioca tutte; Rrahmani e Juan Jesus che sembrava dovessero essere le alternative al blocco titolare, che giocano a questi livelli; il ritorno di Ghoulam. Credo che questa sia una squadra fortissima, ma che ha avuto a che fare con moltissima sfortuna. L’Inter è la più forte, sta avanti, ha un vantaggio, ma non è finita”.

OSIMHEN – “So quanto vale e cosa può diventare. Dipenderà molto da lui, dalla sua capacità di gestirsi. Ha un potenziale spaventoso, già adesso incide come pochi, ed è ancora giovanissimo. In due anni ne ha dovuto passare troppe. Ma adesso toccherà a lui“.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

Luka Lochoshvili, difensore georgiano della Cremonese, ha parlato di Kvaratskhelia in un’intervista alla vigilia della gara col Napoli

Calcio, Sport

Giovanni Simeone, attaccante del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni in un’intervista rilasciata a “La Nacion”.