Marfella: “Esordio da sogno. Meret e Ospina due esempi”

Davide Marfella ai microfoni di Kiss Kiss Napoli ha commentato le emozioni del suo esordio con la maglia azzurra contro lo Spezia
Davide Marfella (Photo by Jonathan Moscrop/Getty Images)

Davide Marfella, terzo portiere del Napoli, ha parlato in diretta a Kiss Kiss Napoli durante la trasmissione “RadioGoal” del suo esordio in Serie A con la maglia azzurra nell’ultima gara di campionato contro lo Spezia: “Penso che sia il sogno di ogni ragazzo napoletano fare l’esordio con il Napoli. Ho iniziato come attaccante, poi un giorno mancò il portiere e il mister mi mise tra i pali: da lì non ci sono più uscito perché mi piaceva buttarmi e sporcarmi. Sono stato alla Puteolana, dove sono cresciuto, poi al Pesaro, al Bari finché non sono arrivato al Napoli”.

“Esordio contro lo Spezia? Non mi aspettavo di giocare, non era stato concordato niente. Quando il mister mi ha detto che dovevo andarmi a riscaldare, mi sono emozionato. Ho fatto un paio di respiri profondi e mi sono tranquillizzato: è andata bene, dai”.

“Meret e Ospina? È stato un anno fantastico, non solo per la bravura di tutti e due, ma anche per la loro caratura umana. Grazie a loro e al preparatore sono migliorato tanto, mi sono trovato benissimo con loro. Mi hanno dato tanti consigli e sono riuscito a rubare qualche segreto”.

“Spalletti, oltre che ad essere una brava persona, è molto preparato e secondo me il suo forte è che dà sempre una spinta in più, fa stare tutti sempre sul pezzo. È molto meticoloso, è quello che ci ha fatto fare un’annata ottima”.

“Domenica è stata una giornata di festa per gli amici e la famiglia, a qualcuno è scappata anche la lacrimuccia. Io sono abbastanza freddo e cinico, è difficile strapparmi qualche lacrima“.

ti potrebbe interessare