Maradona, il manager Ceci: “Diego era stanco: si è lasciato morire”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Stefano Ceci, manager ed amico di Diego Armando Maradona, a Radio Kiss Kiss Napoli:

“E’ stata aperta un’indagine sulla morte di Diego. Oggi si punta il dito su ciò che si sarebbe potuto fare. Ma è un concetto che va esteso alla sua vita intera. Diego è sempre stato solo: hanno pensato solo a Maradona. Diego era stanco, si è lasciato morire. Non voleva più vivere. Diego ha smesso di essere Diego quando ha compiuto 17 anni: da quando è diventato Maradona, è rimasto da solo. Ho vissuto gli ultimi 20 anni con Diego. Maradona era difficilissimo da gestire. Diego – inteso come persona – era fragile, umile. Porto con me tantissimi ricordi. Negli ultimi mesi, Diego era davvero stanco. Vedevo che qualcosa non andava più come prima. Fino a due anni fa, a Dubai giocava a calcio e a padel una volta a settimana. Era attivo a livello fisico. Ha visto che stava perdendo anche l’amore di Rocio: anche per questo poi si è lasciato andare fisicamente e mentalmente. Il caos familiare girava intorno a Diego, che non ha mai avuto pace totale. Anche da morto, adesso, continueranno ad accapigliarsi. Almeno adesso Diego sta con le persone che amava di più: la mamma ed il papà. Adesso, Diego è in pace”.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare