Italia, Mancini: “Non sarà facile vincere la Nations League, ma sarebbe fantastico”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

A due giorni dalla semifinale di Final Four di Nations League contro la Spagna, il ct dell’Italia Roberto Mancini fissa l’obiettivo. “Sarebbe fantastico vincere la Nations League subito dopo l’Europeo e qualificarsi in anticipo per la Coppa del Mondo, ma non sarà facile”, ha spiegato al sito dell’Uefa. “La Spagna è stata la squadra che ci ha messi più in difficoltà a Euro 2020. È forte e ha buoni giocatori. Sarà una bella partita”, ha aggiunto.


“Loro sono bravi nel palleggio, mentre noi non abbiamo avuto tempo per arrivare ai loro livelli, ma stavolta sarà diverso – ha proseguito il ct azzurro -. Di solito San Siro è pieno quando gioca la nazionale”. “È stato fantastico perché abbiamo reso felici tante persone, giovani e meno giovani – ha proseguito descrivendo il rientro in Italia dopo il trionfo di Wembley -. È stata una festa per tutti, forse a causa del periodo che stiamo vivendo”. “I tifosi erano entusiasti e noi giochiamo per far divertire la gente – ha aggiunto -. Le cose più belle di Euro? Probabilmente il rapporto che si è creato in squadra. Il gruppo ha lavorato insieme per 50 giorni e non è facile. Sono stati giorni duri e faticosi, ma non ci sono stati problemi. La chimica e l’affetto non sono facili da ottenere”.

A proposito dei giovani talenti della Nazionale, l’ex allenatore di City e Inter ha evidenziato che “Donnarumma ha iniziato a giocare da giovanissimo e ha grandi qualità”. “Migliora anno dopo anno e vuole essere considerato il miglior portiere del mondo – ha aggiunto -. Siamo stati molto fortunati ad averlo a Euro 2020”. “Chiesa? Penso che Federico possa crescere ancora – ha proseguito -. Sta migliorando sotto diversi aspetti. Ha buone doti atletiche e tecniche. Deve crescere mentalmente e trovare stabilita'”.

“Ogni partita è piena di difficoltà. Quando giochiamo contro squadre più deboli, è difficile perché si difendono – ha aggiunto Mancini – Non c’è un solo modo di vincere”. “Non si tratta solo di giocare bene. Certo, se riusciamo a vincere giocando bene e dando spettacolo, è ancora meglio – ha concluso -. Ci sono molti modi di vincere. La percezione dell’Italia è cambiata, ma non possiamo dimenticare che l’Italia ha vinto quattro Mondiali. Siamo i campioni d’Europa e abbiamo una storia importante”.

Fonte: Sportmediaset.it

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare