Italia, Mancini: “Insigne centravanti contro la Spagna è una possibilità”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Giornata di vigilia per l’Italia. Domani la Nazionale di Roberto Mancini affronterà la Spagna, in una gara valida per le semifinali della Nations League. Direttamente da San Siro, dove si disputerà la partita, il nostro ct a partire dalle 15.45 analizzerà il match.

15.45 – Ha inizio la conferenza stampa: “All’estero i ragazzi giovani giocano prima, gli danno più possibilità di sbagliare e poi dopo un paio d’anni si trovano con giocatore pronti. C’è un po’ di differenza con l’Italia, questo sì”.

E’ possibile che l’Italia giocherà senza centravanti?
“Noi abbiamo un po’ di problemi, ci mancano i due centravanti dell’Europeo che per problemi fisici sono a casa. Abbiamo Kean e Raspadori, e poi tanti giocatori offensivi. Vedremo quale sarà la soluzione migliore”.

Siete a 37 risultati utili consecutivi. Volete andare avanti?
“Noi vogliamo sempre vincere, poi sappiamo che dipenderà da noi”.

Lei è molto religioso, ha tanta fede. Quanto è importante la religione per lei?
“E’ importante. Sono nato e cresciuto attaccato all’oratorio e ho trascorso lì tutta la mia gioventù. E’ molto importante per me, nella mia vita”.

Luis Enrique ha detto che prima o poi perderete.
“Ha ragione, prima o poi capiterà. A noi piacerebbe andare avanti così fino a dicembre 2022, ma sappiamo che non sarà così semplice”.

Hai convocato Dimarco perché Tonali doveva restare in Under 21?
“Dimarco lo feci debuttare io in Serie A, lo conosco benissimo. L’ho convocato perché sono passati un po’ di anni e mi faceva piacere vederlo, abbiamo lasciato alcuni giocatori all’Under 21 ed è giusto così, hanno due gare importanti”.

Sorpreso dalla mancata convocazione di Luis Alberto e Brahim Diaz?
“Ne ha talmente tanti che è anche difficile per lui convocarli tutti. E’ costretto a lasciare fuori giocatori bravi”.

Che valore ha questa competizione?
“E’ una competizione importante. E’ chiaro che arriva dopo un campionato d’Europa e sembra siano due gare così, prepararle in così poco tempo non è nemmeno semplice ma sono due gare tra le quattro migliori d’Europa e vogliamo migliorarci, questo è certo”.

Chiesa centravanti è un opzione o meglio Insigne?
“Non so se Federico possa fare il centravanti, probabilmente nel tempo potrà anche farlo come accaduto col Chelsea. Noi abbiamo ruoli precisi, sappiamo dove può giocare meglio. Abbiamo Kean e Raspadori e poi c’è l’eventualità di Insigne così come di Bernardeschi che l’hanno già fatto”.

Verratti all’Europeo ha sofferto contro la Spagna.
“Abbiamo sofferto in quella gara, era una semifinale e la Spagna ci mise in difficoltà sul possesso, lo fanno da 20 anni e su questo sono più avanti di noi. Dobbiamo migliorare questa situazione di gioco, essere più veloci, ma Marco ha avuto problemi come gli altri. Noi dobbiamo migliorarci, abbiamo giocatori anche giovani che devono giocare gare importanti. Abbiamo 14 mesi importanti e dobbiamo giocare sempre meglio, offensivi e bilanciati”.

TMW – In positivo, chi l’ha sorpresa di più in questo avvio di Serie A?
“I ragazzi giovani stanno facendo bene. Tonali per dire, sta facendo un grande campionato, ce ne sono altri che stanno giocando e sono in Under 21. Già che giochino e possono avere spazio è sicuramente buono, la speranza è che continuino a giocare”.

16.05 – Conclusa la conferenza stampa del ct Roberto Mancini

Fonte: Tuttomercatoweb.com

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare