Inter, Conte: “Domani sfida tra due squadre che vogliono essere protagoniste fino in fondo”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
  Antonio Conte ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match tra Inter e Napoli:   Il calendario vi mette di fronte una squadra in salute: che tipo di gara si aspetta? – “Tra due squadre che hanno l’ambizione di essere protagoniste fino alla fine. Il Napoli per anni è stata l’antagonista della Juventus, tranne la battuta d’arresto dell’anno scorso e noi quindi abbiamo preso il loro posto” Questo confronto che conferme deve darvi? – “Una sfida impegnativa, affrontare una squadra che ha le nostre stesse ambizioni. Ci darà un parametro sul quale fare delle valutazioni” Le fa piacere l’etichetta di favorita allo scudetto? – “Dobbiamo trovare un equilibrio per noi, senza pensare alle considerazioni degli altri. Serve lavorare, non esaltandoci quando arriva la vittoria, non deprimendoci quando arriva una battuta d’arresto” Le prime sei in classifica sono i primi sei migliori attacchi: ora serve questo per vincere il titolo? – “Ogni squadra deve trovare il proprio equilibrio per essere protagonista. Anche noi lo scorso anno abbiamo segnato tanto, quest’anno nella prima parte del campionato abbiamo concesso qualcosa in più” Come stanno i vari acciaccati come Vidal, Hakimi e Sanchez? – “Alexis è uscito con un problema all’adduttore e difficilmente sarà recuperabile. Arturo sta lavorando bene ed è in fase di recupero, ma domani sarebbe un rischio provare a farlo giocare, non vogliamo perderlo per un altro mese. Per Achraf oggi faremo delle valutazioni, dei tre è quello che può esserci con più probabilità” Pare ci sia già una frattura tra le prime sei e le altre: pensa che gli scontri diretti quest’anno peseranno di più? – “Siamo tutti d’accordo che quest’anno c’è più equilibrio. Almeno al momento, magari a breve qualcuno scappa e vince per distacco. Lo sono sicuramente anche sul piano mentale, ma ogni gara va lottata e sudata e i punti sono importanti sempre” Dover giocare psicologicamente con l’obbligo di vincere è un problema o può essere uno stimolo? – “Parlare di obbligo mi fa sorridere, tutte vogliono essere protagonisti e vincere, poi certo ne vince una. Negli ultimi nove anni a vincere è sempre stata la stessa” Ha parlato di negatività attorno all’ambiente Inter: pensando al passato, qualche dichiarazione avrebbe evitato di farla? – “Penso che qualsiasi dichiarazione venga sempre vista in maniera negativa. Mi abituando a questo. A inizio anno ero troppo sereno e sono stato incolpato che non ero più io e che avevo mollato. Ora succede l’opposto. Vuol dire che devo trovare una via di mezzo”

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

Il giornalista sportivo a Radio Goal della sera: “Penso che il rientro in campo del capitano possa avvenire contro il Milan”

Calcio, Sport

Designato il direttore di gara

Calcio, Sport

La Uefa ha comunicato le designazioni arbitrali dell’ultima giornata della fase a gironi

Calcio, Sport

Il giornalista a Il bar dello Sport: “Gli unici centrocampisti di ruolo disponibili saranno Demme e Zielinski”