Il NapoliBasket espugna San Severo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Torna al successo  la Gevi Napoli Basket che, nella nona giornata di ritorno del campionato di Serie A2 girone Rosso, espugna il parquet dell’Allianz Pazienza Cestistica San Severo  per 81-71 . Il Miglior marcatore degli azzurri è Mayo, autore di 18 punti. In doppia cifra anche Parks, 16 per lui e Zerini, 10 punti, tutti segnati nel primo quarto.

Gli azzurri si confermano cosi al primo posto in classifica con Forlì  a quattro giornate dal termine della prima fase della stagione.

Coach Sacripanti schiera in quintetto Mayo, Marini, Parks, Lombardi e Zerini, la formazione pugliese, con Coach Panizza al debutto in panchina, parte con Bottioni, Clarke, Ikangi, Ogide e Contento.

I primi punti della partita sono di Andrea Zerini che realizza cinque punti nelle prime azioni, San Severo risponde con Clarke da sotto, ma Parks ed ancora Zerini, realizzano il 10-3 che costringe San Severo al timeout. Arriva la tripla di Josh Mayo, Parks realizza in contropiede, Napoli allunga sul 17-6 a quattro minuti dal primo intervallo. La reazione della formazione pugliese è veemente, arriva un 9-0 di parziale. Gli azzurri però rispondono subito, nuovo 8-0 di break, con le bombe di Monaldi e Marini. Il quarto si chiude sul 25-19 per la Gevi.

Equilibrio nelle prime fasi del secondo quarto, Sandri segna quattro punti di fila, San Severo trova la tripla di Clarke. La Gevi torna a +9 con la tripla ancora di Sandri, Uglietti realizza in entrata, Ikangi torna a segnare per i pugliesi, Uglietti sigla il 39-28 a tre minuti dall’intervallo lungo. Mayo è preciso dalla lunetta, 3 su 3, mentre Ikangi va a segno dalla media. Il finale di quarto è ancora per la squadra di casa che segna dalla lunetta con Contento e da tre con Ogide. Il quarto si chiude sul 44-36 per la Gevi.

Inizia meglio la formazione padrone di casa che, con Clarke arriva al -3. Parks realizza col fallo, Uglietti appoggia il 51-44 e, dopo aver subito l’antisportivo di Clarke, i due liberi che, insieme alla schiacciata di Parks, valgono il nuovo +11 per gli azzurri dopo cinque minuti di gioco. Questa volta il break è di San Severo che segna un parziale di 7-0 interrotto dal canestro in entrata di Parks. Si segna poco in questo finale di quarto, Iannuzzi trova i primi punti della sua partita, Mayo sulla sirena fissa il punteggio sul 62-52 a dieci minuti dalla fine
.
Va subito a segno da tre punti San Severo con Antelli, Parks cancella Maganza con la stoppata, 1 su 2 di Marini dalla lunetta.  Ogide segna da sotto ma tre triple, di Mayo e Monaldi e Parks, riportano la Gevi avanti sul +15, 72-57 a sei minuti dalla fine. Il canestro di Iannuzzi dalla media chiude, di fatto, il match. C’è spazio ancora per lo scambio di triple tra Mayo e Clarke. Si chiude sul 81-71 in favore della Gevi che torna cosi al successo.

La Generazione Vincente Napoli Basket tornerà in campo, al PalaBarbuto, domenica prossima 14 marzo, alle ore 18,00, nel derby con la Givova Scafati.

Allianz Pazienza Cestistica San Severo-Gevi Napoli Basket (19-25;36-44;52-62)

Allianz Pazienza Cestistica San Severo: Clarke 24, Angelucci, Mortellaro 14, Maganza, Contento 13, Ogide 11, Antelli 3, Ikangi 6, Bottioni. All.Panizza

Gevi Napoli Basket: Zerini 10, Iannuzzi 4, Klacar, Parks 16, Sandri 7, Marini 4, Mayo 18, Uglietti 8, Lombardi 6,  Monaldi 8. All. Sacripanti.

Dichiarazione Coach Sacripanti

“ Credo che abbiamo disputato una buona partita. In difesa c’è stata una grossa distrazione, nel secondo quarto, prendendo un 7-0 di parziale ingenuo. Per il resto, pur non essendo stati perfetti, non era assolutamente facile giocare contro una squadra come San Severo. Siamo riusciti a fare quello che volevamo con energia. Loro son stati bravi a non mollare mai la partita, noi abbiamo messo  apposto le cose nel corso della gara. Il campionato è molto lungo, con tante variabili, tra infortuni e problematiche varie. Anche nelle sconfitte abbiamo giocato degli ottimi primi tempi calando alla distanza, cosa che non è successo oggi. Ci sono degli alti e bassi, ho cercato di dare piu minuti possibili a Iannuzzi che rientrava da un infortunio lungo. Abbiamo bisogno di tutti per migliorare. ”

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare