Gravina: “Insulti razzisti a Koulibaly? Per gli imbecilli non c’è decreto che tenga”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Intervenuto nell’ambito della presentazione del centro VAR presso l’International Broadcast Centre della Lega Serie A a Lissone (Monza e Brianza), il presidente della FIGC Gabriele Gravina ha risposto in merito agli incresciosi episodi di razzismo nei confronti dei calciatori del Napoli Koulibaly, Osimhen e Anguissa al termine di Fiorentina-Napoli di ieri: “Gli insulti razzisti a Koulibaly? Purtroppo è da diverse domeniche che abbiamo episodi di questo tipo. La Figc ha una netta posizione di condanna su questi atteggiamenti scellerati. Ora aspettiamo il Giudice Sportivo ma so che la Procura federale ha già avviato una indagine e richiesto gli atti.

Per gli imbecilli non c’è decreto che tenga, lo sono per cultura non per vocazione. È un fatto culturale, stiamo pensando a norme più stringenti ma non è problema di norme, è un problema di educazione“, ha proseguito Gravina.

“Stadi più moderni possono aiutare? Sicuramente gli stadi rappresentano l’esigenza di quei nuovi agora che stiamo cercando di incentivare. Abbiamo bisogno di luoghi che abbiano impatto positivo sia sui bilanci sia sulla gestione dell’evento“, ha concluso il presidente della FIGC.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare