Giornata in memoria delle vittime da Covid, bandiere a mezz’asta alla Città Metropolitana di Napoli

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Oggi, 18 marzo 2021, in occasione della Giornata nazionale in memoria delle vittime da Coronavirus, le bandiere della sede di piazza Matteotti della Città Metropolitana di Napoli sono esposte a mezz’asta.
Quella di oggi è la prima Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia di Covid-19, come stabilito dal Parlamento con un’apposita legge. Da quest’anno il 18 marzo diventa il giorno per commemorare gli italiani che hanno perso la vita per il coronavirus, che oggi sono 103mila.

Le Camere hanno scelto questa data perché il 18 marzo dello scorso anno, a Bergamo, uno dei luoghi più duramente colpiti dalla pandemia nella prima ondata, una lunga fila di camion dell’esercito, in una vera e propria marcia funebre, usciva dalla città, con a bordo centinaia di bare di cittadini vittime di Covid da trasportare in altri luoghi per la cremazione, atteso che le strutture cimiteriali del capoluogo orobico e della sua provincia non riuscivano, a causa dell’elevatissimo numero di decessi, ad assicurare condizioni dignitose di sepoltura.
La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha disposto che, in questo giorno, le bandiere degli edifici pubblici siano disposte a mezz’asta.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

Assenti anche i lungodegenti Obiang e Romagna

Calcio, Sport

Out Manolas. Il difensore non prenderà parte alla trasferta di Reggio Emilia per gastroenterite

Calcio, Sport

Ulivieri a Radio Goal: “Spalletti si sta dimostrando un grande gestore. La sua bravura sta nel coinvolgere tutti i calciatori”

Calcio, Sport

Gli azzurri preparano il match contro il Sassuolo in programma domani al MEPEI Stadium alle ore 20.45

Calcio, Sport

Mandorlini a Radio Goal: “Sono contento per Jorginho. Il terzo posto nella classifica del Pallone d’Oro è un risultato pazzesco”