Giletti a Countdown: “Ronaldo, investimento sbagliato. Insigne al Toronto, una tristezza infinita”

Le dichiarazioni Massimo Giletti, noto conduttore televisivo e risaputo tifoso juventino, intervenuto a "Countdown"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Massimo Giletti, noto conduttore televisivo e risaputo tifoso juventino, è intervenuto a “Countdown”, il consueto format del sabato di Kiss Kiss Napoli TV condotto da Alessandra Vaccaro. Queste le sue dichiarazioni in dettaglio.

JUVENTUS-NAPOLI 1-1 –Credo che la Juventus sia in una fase molto delicata dal punto di vista di squadra e di società perché, quando sento Allegri ripetere, tutte le volte, la stessa frase all’infinito su questi giocatori, è evidente che c’è un problema che ci portiamo dietro dalla fine del primo Allegri. Ronaldo ha aggiustato qualche situazione ma questa è una squadra che non è più tale. La differenza che c’è stata in quella partita è che, in campo, c’era una squadra che era il Napoli ed un’altra che non lo era. Una vera squadra si vede anche quando mancano diversi titolari e il Napoli ha dimostrato questo. La Juventus non c’è e bisogna chiedersi il perché. Non può continuare ad essere questa. Non ci riconosciamo in questa squadra dove ci sono troppe variabili negative. Il problema è di tutti perché si vince e si perde tutti insieme“,

DICHIARAZIONI KHEDIRA SULLA MANCANZA DI LEADER –Si tratta, purtroppo, di un problema serio. Abbiamo perso dei leader come Buffon che, in altre condizioni, probabilmente sarebbe rimasto. Bisogna avere la capacità e l’umiltà di dire di aver sbagliato in modo evidente la campagna acquisti degli 2-3 anni. Tu scegli di investire tutto su Ronaldo, fai bene dal punto di vista di immagine della società facendola crescere tantissimo; però, hai rinunciato, con quei 100 milioni di Euro, hai rinunciato a prendere i Tonali, i Barella, quei giocatori italiani che possono fare la differenza. Io credo che la Juve sia stata forte quando aveva un’ossatura italiana ma questa strada non è stata più seguita. Si è puntata sul nome dimenticando che, prima di acquistare un buon giocatore, devi acquistare l’Uomo perché, poi, nei momenti complicati escono gli Uomini. I quaquaraquà, e la Juventus ne ha 4-5 in squadra che tirano indietro la gamba e non hanno la cattiveria agonistica, sono evidenti e sotto gli occhi di tutti. Bisogna dire che, purtroppo, si è fatto un investimento sbagliato. Bisogna azzerare e allontanare qualche giocatore“.

CHIUSURA CICLO JUVENTUS –Nel calcio, i cicli ci sono sempre. Io non mi stupisco che il ciclo della Juve finisca. Io dico che, però, poi, devi fare anche l’esame con te stesso. Noi tifosi dobbiamo stare vicino a questa squadra ma non possiamo non avere un’anima critica nei confronti di chi, purtroppo, ha fatto delle scelte che in passato si sono rivelate giuste e adesso sbagliate. Se tu cambi tre allenatori ed il management in poco tempo, c’è qualcosa che non va. Il quadro Juventus è globale: sarebbe un errore individuare solo quei 4-5 giocatori. Gente come Rabiot, Ramsey o McKennie, nella Juventus dei Pirlo, Pogba e Vidal non avrebbe lustrato nemmeno le scarpe e non hanno neanche lo spirito di combattere fino all’ultimo. Speri che Chiesa faccia qualcosa che ogni tanto gli riesce e, poi, butti la croce addosso al povero Morata. il centrocampo è il sesto, settimo del campionato“.

ALLEGRI BIS –Io penso che Allegri abbia una grande esperienza: è stato con Berlusconi per quattro anni ed ha vinto alla Juventus cinque scudetti consecutivi. Il problema, però, è questo: quando è arrivato alla Roma Luis Enrique ha completamente fallito; l’anno dopo è andato al Barcellona e ha vinto tutto. Se mi dai Pirlo, Pogba, Tevez, Bonucci,, Barzagli, Chiellini e altri in piena forma, forse anche io riesco a vincere qualcosa. Oggi, c’è una carenza enorme ed evidente di materiale umano. Non ci sono giocatori di personalità. Khedira ha ragione. Va fatto un importante mea culpa. La Juventus è sempre stata una squadra arrogante ma almeno vinceva. Qui sembra di vivere nel mito della caverna di Platone. stanno tutti al buio ma la luce chi l’accende?“.

ZIELINSKI POSITIVO ED EVENTUALI STRASCICHI –Questo momento del calcio italiano fotografa benissimo e tristemente l’Italia perché abbiamo lasciato in mano ad ogni singola ASL la decisione e non abbiamo pensato a dei protocolli. A cosa serve se la Lega stabilisce qualcosa se poi l’ASL fa esattamente l’opposto, come già accaduto in un altro Juve-Napoli? Mi dispiace per Zielinski ma è l’ennesima furbata italiana e non è cambiato niente. Si tratta di un papocchio all’italiana: ne vedremo ancora delle belle e creerà dei problemi seri perché, teoricamente, neanche la Juve dovrebbe giocare. Perdiamo sempre delle occasioni perché già a fine novembre si sapeva quello che sarebbe successo. Il mondo del calcio crede di essere sempre fuori dal sistema dove ci si può permettere di tutto“.

MERCATO DI GENNAIO –La Juventus deve dare via dei giocatori perché hanno degli ingaggi altissimi e, col bilancio che si ritrova, se non lo fa, non può far entrare qualche ragazzo nuovo“.

INSIGNE AL TORONTO –Per me, è una tristezza infinita; però, capisco che, quando arrivano delle offerte di quel tipo, non puoi fare altro che accettare. Insigne tornerà a Napoli e finirà la carriera a Napoli. Personalmente, credo che si possa vivere bene in Italia e stare nel grande calcio a 6-7 milioni ma lì te ne danno il doppio. Dipende da quello che uno ha dentro e sono valutazioni che ogni singolo fa. Io non lascerei mai una città come Napoli; però, non sono nella testa di Insigne e devo rispettare la sua scelta“.

COVID –Ci hanno fatto fare il vaccino; dunque, possiamo andare negli stadi con le mascherine perché, altrimenti, la nostra vita è finita. Il fatto che In stadi da 60000 persone, all’aperto, non ne possono stare 30000, mi sembra davvero un errore generale. Si fa di nuovo un danno al mondo del calcio e a tutte le strutture che ci girano attorno. La battaglia contro il Covid ha vissuto momenti di emotività e di scienza. Non si può essere emotivi, bisogna essere razionali e, questa volta, nei grandi stadi, non vedo ce ne debbano stare solo 5000. Davvero ridicolo che sia giunti di nuovo a questa storia. Dobbiamo imparare a convivere con questa situazione. Impedire l’afflusso agli stadi. per me, è un errore gravissimo“.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

La prima pagina del quotidiano Il Corriere dello Sport di oggi, 29 gennaio 2022

Calcio, Sport

Le parole dell’ex allenatore dell’Avellino ai nostri microfoni

Calcio, Sport

L’ex centrocampista azzurro a Radio Goal della sera: “Scudetto? Il Napoli è lì e deve crederci fino alla fine”

Calcio, Sport

L’ex difensore azzurro ha svelato a Radio Goal della sera ciò che serve al Napoli per vincere lo scudetto

Calcio, Sport

Le dichiarazioni di Antonello Valentini, ex dirigente FGIC, intervenuto nell’appuntamento pomeridiano di Radio Goal