Ex presidente Barcellona: “Maradona la stella più luminosa, avrei voluto tenerlo…”

Gaspart, ex presidente del Barcellona, è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli per parlare di Diego Armando Maradona: “Rispetto massimo per i campioni portati in blaugrana. Romario, Ronaldo, Rivaldo, altri ancora: nessuno è paragonabile a Maradona. Non mi fecero tenere Diego al Barça, è stato un momento che non potrò dimenticare. Fu impossibile evitare il suo trasferimento al Napoli. Ferlaino insistette tantissimo per portare a Napoli Maradona. Ricordo che una volta persi la pazienza e gli risposi male. Poi lo invitai a Barcellona per scusarmi. Ferlaino fu bravissimo a convincere Maradona che Napoli sarebbe stato il posto giusto per lui. La storia gli ha dato ragione. Sono felice che il San Paolo cambierà nome e che un glorioso impianto come quello napoletano sarà intitolato a Diego Armando Maradona. Il merito sportivo degli Scudetti napoletani è di Diego Armando Maradona. Quello politico è di Corrado Ferlaino. Approfitto ancora oggi di Radio Kiss Kiss Napoli per chiedere scusa al Presidente Ferlaino e Antonio Iuliano. Non ho dubbi: tra Messi e Maradona, sul Trono ci va Diego. Un Trono che può essere al massimo condiviso con Pelè. Mi hanno chiamato da tutto il mondo. Europa o Argentina, ci puó stare. Ma anche dalla Cina: questo favcapire cosa è stato, cosa è e cosa sará per sempre Diego Armando Maradona.”

ti potrebbe interessare

 Ultimissime    | Calcio, Sport

La Partita della Pace 2022 sarà dedicata a Diego Armando Maradona. La kermesse allo stadio Olimpico prevedrà una parata di stelle

 Ultimissime    | Calcio, Sport

Kvaratskhelia show al debutto al Maradona, fa doppietta contro il Monza nella prima a Fuorigrotta e il Napoli vince 4-0

le più lette

Calcio, Sport

Luka Lochoshvili, difensore georgiano della Cremonese, ha parlato di Kvaratskhelia in un’intervista alla vigilia della gara col Napoli

Calcio, Sport

Giovanni Simeone, attaccante del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni in un’intervista rilasciata a “La Nacion”.