Garics: “Mario Rui professionista esemplare. Nessuno si sarebbe aspettato un Napoli ancora in corsa per lo scudetto”

Gyorgy Garics ai microfoni di Radio Goal

Gyorgy Garics, ex difensore che ha vestito la maglia del Napoli dal 2006 al 2008, a Radio Goal  in onda su Radio Kiss Kiss Napoli tra le 13 e le 16, ha parlato del Napoli, della sfida con il Barcellona e di Mario Rui. Di seguito le sue considerazioni:

-analisi e considerazioni sul pareggio tra il Napoli e l’inter “Secondo me Spalletti ha fatto bene a pensare a non perdere in questa occasione. Se non puoi vincere bisogna farsi due conti e non mi vergogno minimamente a dirlo . Visto come si stava mettendo la partita va benissimo così, almeno sei ancora attaccato alle squadre di testa e il terreno perso è veramente poco, in caso di sconfitta staremmo tranquillamente parlando di corsa scudetto ormai compromessa. Mancano ancora tante partite alla fine del campionato e c’è tutto il tempo di recuperare, l’importante è non sbagliare, soprattutto nelle partite insidiose contro le così dette piccole. Ma ad inizio stagione chi si sarebbe aspettato che il Napoli si sarebbe trovato a meno 4 dalla testa della classifica a Febbraio? Non prendiamoci in giro, la squadra di Spalletti sta andando oltre ogni più rosea previsione.”

-sull’assenza in mezzo al campo di Stanislav Lobotka“Nella partita con il Barcellona, paradossalmente, potrebbe giocare chiunque al posto di Lobotka perchè questa è una partita che ti porta a dare qualcosa in più del 100%, indipendentemente da se sei in perfetto condizioni o se hai giocato un po di meno durante la stagione. Ovviamente il ragazzo mancherà eccome alla squadra, ma penso che non ci sarà bisogno di fare niente di particolare per preparare questa partita, queste sono partite che si preparano da sole.”

-sulle continue critiche dei tifosi nei confronti di Mario Rui“Non capisco le critiche a Mario Rui. Bisogna sempre considerare l’avversario che ci si trova di fronte e del risultato che esce fuori dalla partita prima di parlare e sparare giudizi a caso. Non può essere così scarso come tutti pensano visto se tutti gli allenatori che arrivano a Napoli lo fanno giocare titolare. Capita a tutti i giocatori di essere sottovalutati o sopravvalutati, i giornalisti sono bravissimi a fare questo tipo di giochini. Alla fine parlano i fatti, parla la fiducia che allenatore e società danno al ragazzo che, tra l’altro, dimostra sempre di essere un professionista serissimo.”

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

Andrea Petagna, attaccante del Napoli ha vinto il premio Cesarini per la rete segnata contro il Venezia lo scorso 6 febbraio.

Calcio, Sport

Davide Marfella ai microfoni di Kiss Kiss Napoli ha commentato le emozioni del suo esordio con la maglia azzurra contro lo Spezia

Calcio, Sport

Angel Torres, presidente del Getafe, è intervenuto, a microfoni spenti, in esclusiva a Kiss Kiss Napoli rilasciando alcune dichiarazioni