Figc, Della Frera: “I calciatori non devono avere la priorità per il vaccino”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Walter Della Frera, membro AIC della Commissione Medica FIGC,  è intervenuto quest’oggi a Radio Kiss Kiss Napoli: “Sono stati mesi difficili per fronteggiare il Covid. Abbiamo lavorato per trovare soluzioni in modo sereno. Abbiamo cercato le soluzioni per far ripartire il calcio in massima sicurezza, dovevamo stare attenti per capire se ci fossero le condizioni per farlo. C’erano molte incertezze riguardo la ripartenza degli allenamenti, delle partite, sui test, su chi dovevano essere messi a carico. Dovevamo trovare un protocollo semplice, fattibile e affidabile. La patente per i vaccinati? Il Governo giustamente dà la precedenza agli over 70 e agli operatori sanitari: i calciatori non saranno privilegiati. Non passeranno davanti a chi ha più necessità di loro. Comunque stiamo lavorando per fare in modo che tutti i calciatori e gli sportivi possano essere vaccinati, anche in vista degli Europei e delle Olimpiadi. Questo è un problema che si pone per ogni lavoro e ogni settore. Studieremo anche un libretto sanitario o altro. Ipotizziamo uno scenario in cui i calciatori possano avere una certificazione, come avviene per i tamponi o per i test sierologici, che attesti la vaccinazione”.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

La prima pagina del quotidiano Il Mattino di oggi, 5 dicembre 2021

Calcio, Sport

Un buon Napoli sconfitto fra le mura amiche dall’Atalanta di Gasperini

Calcio, Sport

Ancora assenti Robin Gosens e Matteo Lovato

Calcio, Sport

In vendita i biglietti per il prossimo match casalingo del Napoli