ESCLUSIVA Ghoulam: “Gattuso sta facendo un grande lavoro”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Faouzi Ghoulam, terzino del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni in ESCLUSIVA a Radio Kiss Kiss Napoli:

“Partita con il Rijeka da titolare? Sono contento, sono felice di tornare a giocare, aspettavo questo momento, adesso il mister mi dà minuti, devo prendere quello che c’è. L’AZ non è una squadra facile con cui giocare, all’andata abbiamo perso anche se meritavamo di vincere, al ritorno un pareggio. Anche la Real Sociedad ha fatto uno 0-0 in Spagna e poteva perderla, si vede che l’AZ è una squadra forte, abbiamo fatto il nostro compito, ci dispiace perchè volevamo vincere, ma meglio partire da un punto che da zero. Tutte le competizioni in cui giochiamo sono importanti, diamo sempre il 100%, dobbiamo arrivare fino in fondo e giocarci qualcosa prima della fine della stagione. Prossima partita contro il Crotone? Il campionato è molto difficile e strano quest’anno, i punti contro le ‘piccole’ sono le cose più importanti, dobbiamo avere continuità di risultato, dobbiamo continuare su questa strada, sia a livello di gioco che di risultato. I moduli sono importante ma conta che prepariamo bene le partite, andiamo noi sul campo, meritiamo quasi sempre di vincere, il 4-2-3-1 o il 4-3-3 è la stessa cosa, dipende da come interpretiamo la partita, sappiamo di avere calciatori fortissimi, in attacco siamo completi e siamo una grande squadra. Se è un Napoli più forte di quello di Sarri? Il problema è che dobbiamo avere continuità, è la cosa più importante, avevamo molta più continuità nell’anno di Sarri, la partita di domenica è importante, vittorie chiamano vittorie, dobbiamo fare una grande partita, sappiamo cosa chiede il mister, la squadra è ampia, abbiamo giocatori forti e di qualità, facciamo il nostro compito, andiamo avanti in ogni competizione e vediamo cosa succederà.

Gattuso? Parliamo troppo degli anni di Sarri, sono passati, dobbiamo andare avanti, il mister ora sta proponendo un calcio divertente ed offensivo, lavoriamo con lui da un anno ormai, eravamo a pezzi mentalmente e ci ha fatto ritornare ad essere dei campioni mentalmente, ha fatto un grande lavoro.

Quanto ci mancano i tifosi allo stadio? Ci sono delle squadre per le quali il 12esimo uomo è importante e per altre no, per noi è importantissimo, perdiamo qualcosa, sentiamo la pressione, avremmo voluto vivere questo momento tutti insieme, non è un momento facile per squadra, società e popolo, avremmo voluto viverlo insieme, uniti, come una famiglia. Maradona? E’ un idolo per tutti, per me lo è sempre stato, ha influito nella mia scelta di venire qua, oltre i napoletani non si può capire quello che ha dato alla città, è andato oltre il calcio, proviamo a dare un sentimento di orgoglio, per essere napoletani in Italia, in Italia sappiamo le difficoltà che incontra il popolo napoletano, dare orgoglio attraverso il calcio è la cosa migliore, lui ha preso Napoli e l’ha messa sulla mappa del mondo, ha fatto diventare i napoletani ancora più orgogliosi, è una cosa che ha fatto da solo anche se con lui c’erano giocatori importanti. Da quando è morto sia la gente di Napoli che gli avversari sono molto dispiaciuti, è dura nel calcio avere unanimità, lui ha messo tutti insieme e tutti erano con lui, la cosa più difficile. E’ il calciatore più forte di tutti i tempi, è una cosa molto importante. Giusto intitolargli lo stadio? Non è una domanda da fare a me ma ai napoletani, anche se mi sento napoletano, se lo hanno scelto, è normale, per me è una cosa normalissima, avere lo stadio intitolato al suo nome è cosa importantissima, penso che lo meriti, i napoletani hanno fatto questa scelta e siamo orgogliosi di giocare in questo stadio. Cosa chiedo al 2021? A livello calciastico non chiedo niente visto il 2020, ci sono cose più importanti, ci sono morti, gente che muore di fame, Napoli è una città molto colpita a questo livello, io auguro a tutti la salute, la felicità, poi vedremo col calcio. Quest’anno ci ha fatto vedere che il calcio è importante ma è un divertimento, nel 2021 spero che possiamo partire con tutta la forza e la salute, i napoletani lo meritano, meritano un anno buono, dopo quest’anno di difficoltà”.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare