Esame d’Italiano per il Napoli. Tutto ciò che c’è da sapere sulla Viola

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Sarebbe potuto essere lui l’allenatore del Napoli di quest’anno, poi De Laurentiis s’è affidato all’esperienza del più navigato Luciano Spalletti per tornare in Champions. Lui se ne stava buono buono in quel di La Spezia provando a proseguire il percorso cominciato anni fa, con la speranza di continuare ad essere tra le squadre rivelazione della Serie A. Poi la rottura tra Gattuso e Commisso a Firenze e Vincenzo Italiano non poteva farsi scappare l’occasione di fare il suo, personalissimo, salto di qualità. Allenare Vlahovic, Torreira, Milenkovic, Odriozola e Nico Gonzalez avrebbe fatto gola a chiunque. Per cui Italiano si libera dallo Spezia e accetta la corte della dirigenza italo americana della Viola.

Ad oggi la squadra fiorentina è tra le più in forma della Serie A. L’organico è di tutto rispetto. Di pezzi pregiati il mercato ne ha rubato solo uno, German Pezzella, che ha deciso di far ritorno al Betis. Poi sono arrivati Odriozola, Torreira, Nico Gonzalez e i rientranti dal prestito Sottil e Duncan che, sin da subito, sono diventati punti di forza per Italiano. La permanenza di Vlahovic è sicuramente la miglior notizia per i tifosi della Fiorentina. L’attaccante classe 2000 è già a quota 6 goal in stagione tra campionato e Coppa Italia, ma la situazione relativa al suo rinnovo di contratto mette un po’ in agitazione tutto l’ambiente toscano.

Il 4-3-3 di Vincenzo Italiano inizia a dare i suoi frutti. Basato sulla corsa dei due esterni bassi Odriozola e Biraghi, le geometrie di Torreira e Pulgar a centrocampo, l’esperienza di Bonaventura e Callejon, la fantasia di Nico Gonzalez e la capacità realizzativa di Vlahovic. Senza dimenticare la forza fisica a centrocampo di Duncan e in difesa di Milenkovic. Questa Fiorentina non è quella di qualche anno fa, ma nemmeno quella vista l’anno scorso tra Iachini e Prandelli.

Il Napoli, reduce dalla sconfitta europea contro lo Spartak Mosca, ha voglia di tornare a vincere in campionato. Il Franchi riaffiora vecchi e brutti ricordi, ma il Napoli s’è preparato. Spalletti ha studiato, la squadra pure. Tutto pronto per l’esame d’Italiano.

di Fabio Cannavo

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare