Covid, scuole chiuse in Campania: genitori No Dad scrivono al Governo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Da oggi, lunedì 1 marzo, tutte le scuole della Campania, di ogni ordine e grado, sono tornate alla didattica a distanza fino al 14 marzo 2021. La decisione è stata presa dal Governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, a seguito dell’aumento considerevole del numero dei contagi da Covid-19. La notizia, data in diretta Facebook lo scorso venerdì, è stata ufficializzata con un’ordinanza emanata sabato 27 febbraio.

Un gruppo di genitori No Dad ha deciso di scrivere al Presidente del Consiglio Draghi e a numerosi Ministri, in primis al ministro dell’Istruzione Bianchi, per spiegare la volontà “che arrivi al Governo il grido di dolore dei bambini e dei ragazzi della Campania che ormai da un anno non vanno più a scuola”.

Nella lettera i genitori e i docenti afferenti al Coordinamento Scuole Aperte Campania scrivono: “Una delle regioni più popolose d’Italia, con i più alti tassi di abbandono scolastico e con irrisolte problematiche di carattere sociale ed economico, si è presa il lusso di considerare la scuola come un servizio aggiuntivo e superfluo, meno importante anche di una ludoteca. Ci siamo rivolti alle autorità giudiziarie e siamo anche riusciti a riportare in classe i nostri ragazzi, tuttavia, in Campania le sentenze sono carta straccia”.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare