Covid, ricercatori napoletani studiano dispositivo per individuare soggetti più a rischio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

I ricercatori della Scuola di Medicina della Federico II di Napoli stanno sviluppando un analizzatore miniaturizzato, simile ad un glucometro, che potrebbe essere in grado di individuare i pazienti che vanno incontro a rischi maggiori per l’infezione da Covid. L’analizzatore è stato ideato sulla scorta dell’esperienza accumulata nel settore dei dispositivi e delle ricerche sulla mortalità dei pazienti Covid con patologie come diabete, obesità o ipertensione.

Queste patologie, infatti, aumentano di oltre due volte il rischio di morte di pazienti positivi al Covid-19.
I ricercatori napoletani hanno individuato la maggior parte delle varianti Covid circolanti su tutto il territorio nazionale. Il lavoro continua nei laboratori del Tigem di Pozzuoli e del Dipartimento di Scienze Mediche Traslazionali dell’Università, guidati dai professori Andrea Ballabio e Giuseppe Portella.

Un risultato che prelude alla scoperta di come le varianti influenzino l’evoluzione del Covid, quale sia la loro pericolosità, la sensibilità del virus ai farmaci.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare