Covid, no a spostamenti tra regioni fino al 27 marzo e restrizioni in zona rossa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del presidente Mario Draghi e del ministro della Salute Roberto Speranza, ha approvato il decreto legge Covid, così come si apprende da fonti di Governo.
Il provvedimento proroga il divieto di spostamenti tra Regioni fino al 27 marzo 2021.

Confermata la regola che limita gli spostamenti verso le abitazioni private a due adulti con in più solo i figli minori di 14 anni, ma ciò viene vietato in zona rossa. Questa sarebbe una novità del nuovo decreto legge Covid.
Resta, quindi, nelle zone gialle e arancioni la possibilità, una sola volta al giorno, di spostarsi verso un’altra abitazione privata abitata, tra le 5 e le 22, in massimo due persone, con i figli minori di 14 anni e le persone conviventi disabili o non autosufficienti.

Nelle zone arancioni, per i Comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti, sono consentiti gli spostamenti anche verso Comuni diversi, purché entro i 30 chilometri dai confini.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare