Covid, feste in piazza e a casa: a Napoli multate 30 persone

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

La Polizia di Stato ha interrotto ieri sera a Napoli due distinte feste “clandestine” a cui stavano partecipando complessivamente una trentina di giovani, tutti senza mascherina.

Ad attirare i poliziotti del commissariato Vicaria Mercato in via Luigi Settembrini sono stati gli schiamazzi e la musica ad alto volume provenienti da un’abitazione, dove gli agenti hanno trovato 15 studenti spagnoli (in città grazie al progetto Erasmus), che stavano festeggiando con cibi e bevande, tutti senza indossare dispostivi di protezione individuale. A ciascuno dei 15 ragazzi, di età compresa tra 20 e i 24 anni, è stata comminata una sanzione per il mancato rispetto delle misure anti Covid-19.

In piazzetta Arcangelo Scacchi, invece, la festa era stata organizzata addirittura in strada: lì, infatti, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e del Commissariato Decumani, con il supporto dei Nibbio e del Reparto Prevenzione Crimine Campania, hanno trovato 15 napoletani, tra i 18 e i 48 anni, che stavano festeggiando un compleanno. Inevitabile, anche per loro, la sanzione per inottemperanza alle misure predisposte per contenere la pandemia.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare