Commisso: “I giornalisti mi stanno massacrando”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Attraverso un’intervista sui canali ufficiali della Fiorentina il presidente viola Rocco Commisso è tornato sulla conferenza stampa dell’altro ieri rispondendo alle critiche apparse quest’oggi sulla stampa e rincarando la dose nei confronti dei giornalisti: “Non ho sentito tutta la conferenza si Iachini, ma mi hanno detto che ha ringraziato e io voglio nuovamente ringraziarlo per quello che ha fatto per portarci a questo punto a fine stagione. Voglio inoltre ringraziare tutto lo staff e i dipendenti della Fiorentina che sono tutti orgogliosi di quello che ho fatto ieri. Inoltre ci sono i tifosi, li ho sentiti, mi hanno mandato messaggio e ieri il nome di Rocco Commisso è stato il più cercato e seguito su Twitter in tutta Italia. E tutti i tifosi viola devono essere orgogliosi che tutta Italia è con noi in questo richiamo ai giornalisti di fare le cose giuste. Non ho mai detto che non possono criticare, ma devono scrivere le cose giuste e non offendere le persone. Voglio ringraziare tutti i messaggi di stima e affetto, c’è stata una valanga d’affetto e credo che i tifosi capiscono più di tutti quanto lavoro abbiamo fatto qui, poi i risultati non sono quelli che volevamo, ma il lavoro c’è stato. Io sono arrivato qui a inizio aprile ora devo tornare a casa sennò mia moglie mi ammazza, e sarebbe bello prima di andare via riuscire a fare qualcosa. “Per me la conferenza di ieri era finita, non mi aspettavo che la casta dei giornalisti rispondesse. – continua ancora Commisso facendo anche dei nomi – Ieri c’è stato un comunicato da parte dalla stampa, portato avanti da questo Sandro Bennucci (presidente dell’Assostampa Toscana Ndr), in cui c’è scritto che io non posso parlare, criticare e offendere. Ma io ieri ho detto che quando ci sono bugie, che offendono la mia famiglia, il mio nome e quello che io rappresento, non ci sto. E se loro hanno il diritto di criticare io ho quello di difendermi. Bennucci, che è il leader di questo comunicato stampa, è stato in tv e ha detto di non aver mai sentito nessuno offendere Rocco a Firenze. Io voglio rispondergli come possa non aver sentito mai il nome Rocco Benito usato da Bucchioni o dal Corriere Fiorentino? Non ha sentito o letto mai, dello Zio d’America che molti giornalisti hanno portato avanti? Come può rappresentare i giornalisti se non ha mai visto nulla? Ora voglio dirti che quando qualcuno offende mio padre io mi arrabbio tantissimo, lui è stato un eroe dell’Italia, è stato prigioniero di guerra in Africa e io non posso lasciare passare le offese alla sua memoria.Il presidente viola ha poi attaccato la Gazzetta dello Sport: “Oggi è stata la conferma di quanto detto ieri. Qui non si critica sul calcio, sul pallone, sulle scelte, ma sul personale. Oggi è uscito un articolo a firma di Andrea Di Caro sulla Gazzetta, che leggono tutti in Italia e in America, in cui mi hanno chiamato come un gangster americano, mi hanno chiamato Don Rocco paragonandomi ai personaggi dei film di Coppola e Scorsese, mi hanno paragonato al Padrino, a Vito Corleone e Sollozzo. Ma a questo punto è arrivato il giornalismo in Italia? Questo è il giornalismo di questo paese che non ha messo in evidenza quello che io ho fatto nella mia vita in America dove per 50 anni ho combattuto contro gli stereotipi dell’italo-americano mafioso. Il vice direttore di questo giornale ha infamato tutti gli italo-americani del Nord America, un italiano non può scrivere queste porcherie sul primo quotidiano sportivo italiano”.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

La prima pagina del quotidiano Il Mattino di oggi, 5 dicembre 2021

Calcio, Sport

Un buon Napoli sconfitto fra le mura amiche dall’Atalanta di Gasperini

Calcio, Sport

Ancora assenti Robin Gosens e Matteo Lovato

Calcio, Sport

In vendita i biglietti per il prossimo match casalingo del Napoli