Colantuono: “Regolamenti poco chiari. Andremo in campo con quelli che saranno disponibili”

L'allenatore della Salernitana, Stefano Colantuono, nella conferenza stampa prepartita, ha presentato la gara contro il Napoli.

L’allenatore della Salernitana, Stefano Colantuono, nella conferenza stampa prepartita, ha presentato, in remoto, la gara contro il Napoli da svolgersi domenica 23 gennaio alle 15.00 al ‘Diego Armando Maradona’ soffermandosi, inoltre, sulla difficile situazione che si sta vivendo in casa granata.
Queste le sua dichiarazioni.

SITUAZIONE DELLA SQUADRA – “Questi regolamenti sono poco chiari. Due calciatori si sono negativizzati e non sappiamo se possiamo aggregarli al gruppo perché dovranno superare dei test da sforzo come previsto dal protocollo. Altri otto hanno il Covid e, dunque, non saranno a disposizione. Se aggiungiamo gli infortuni e le altre indisponibilità, è facile pensare che partiremo per Napoli tra mille difficoltà. Ci sono cose che non riesco a capire. Abbiamo otto positivi, in questo momento, e speriamo che domani non ci siano ulteriori sorprese. C’è gente che viene da un lungo periodo di inattività; se non superano la visita medica, si abbassa lo stesso la percentuale del 35%? Naturalmente giocheremo, ma vorrei sottolineare che oggi non abbiamo fatto allenamento. E al danno si potrebbe aggiungere la beffa: chi non è al top rischia l’infortunio muscolare, senza dimenticare la squalifica di Ranieri“.

LAVORO DELL’ALLENATORE IN TALI SITUAZIONI – “Mi chiedo: che partita diventa? Noi rispettiamo i regolamenti, sia chiaro, ma ci sono troppe cose che non sono chiare. C’è chi scenderà in campo per onore di firma, rischiando infortuni muscolari perché fuori allenamento. Al cospetto di un avversario di grande valore che, naturalmente, sarebbe stato favorito a prescindere, pure con una Salernitana al completo“.

GRANDE PARTITA ALL’ANDATA – “Sono due contesti completamente diversi. C’erano defezioni, ma non un’emergenza di questo tipo. Anche gli avversari riconobbero le qualità della Salernitana e quella sera facemmo un’ottima figura. Domani faremo la rifinitura e, sicuramente, cercheremo di ottenere il massimo con quello che abbiamo a disposizione. La condizione fisica è la componente che fa la differenza e, purtroppo, sono cose che non dipendono da noi. Proveremo a rendere la vita difficile al Napoli, ma mancheranno davvero tante pedine“.

MERCATO – “Quello di riparazione è difficile e trovare gli incastri giusti è complicato. Lasciamo lavorare il direttore sportivo con serenità; ci siamo confrontati e le idee sono condivise. Stanno circolando tanti nomi ma, quando raggiungeremo l’obiettivo, ne parleremo nel dettaglio. Ora è inutile fare discorsi. Non è detto che le trattative vengano chiuse. Ad ora, è più corretto parlare dei giocatori a disposizione, Dopodomani (domani, nda) dovranno fare una partita molto importante a cospetto di un avversario eccezionale. Mi concentrerei solo sui ragazzi che ho e dovremo annullare il gap con una prestazione perfetta. Il mercato è in evoluzione. Faccio questo lavoro da tanti anni e ciò che oggi sembra certo diventa insicuro un minuto dopo. Commenteremo dopo le firme; ora è superfluo“.

SALERNITANA-SPEZIA IL 6 FEBBRAIO – “Domani dovremo fare uno sforzo enorme. Ringrazio in anticipo chi scenderà in campo con zero allenamenti sulle gambe. Per ora, mi concentro sul derby“.

MILAN-SPEZIA E IL 3-0 A TAVOLINO CONTRO L’UDINESE – “Abbiamo visto e commentato tra di noi, ma fa parte del gioco. L’arbitro ha sbagliato e le squadre in lotta per non retrocedere ne hanno risentito ma non voglio entrare nel merito perché sono cose che capitano. Allenatori e calciatori commettono errori e può capitare anche a chi dirige una gara. Non mi permetto di andare oltre e, anzi, voglio essere solidale con il signor Serra che, certamente, è più dispiaciuto di noi. Quanto allo 0-3, l’iter è questo: partita persa a tavolino e penalizzazione. Poi, un ricorso che potrebbe ribaltare il primo verdetto. Ci siamo attenuti ad una decisione dell’ASL che, in quel momento, era organo supremo. Non abbiamo fatto altro che rispettare le disposizioni delle autorità sanitarie. Qui si parla di salute e di educazione civica. Non era giusto mettere a repentaglio l’incolumità degli altri. Ci eravamo organizzati con un aereo privato ma non c’erano le condizioni per partire“.

SCENARIO PEGGIORE RISPETTO A QUELLO DELLA LAZIO? – “Ci sto convivendo dal 23 ottobre, quando esordii con l’Empoli e ci furono molti infortuni. Oggi il discorso si è ingigantito: è diventato più grande e la situazione è complicata. Ne prendo atto. Ci impegneremo e proveremo ad onorare il derby“.

RESTARE IN PANCHINA CON UNA ROSA RINFORZATA – “C’è tanta voglia, è ovvio. L’allenatore deve dare il suo contributo e sono tornato per dare una mano alla Salernitana. Vogliamo fare le cose nel modo giusto e con raziocinio. Vorrei ricordare che, nel mio percorso, ho incontrato, in piena emergenza, delle rose di altissimo livello che lottano per la vittoria finale. Col Napoli e con la Juventus, abbiamo fatto bella figura, così come a Firenze nel primo tempo. Con le cinque più abbordabili abbiamo conquistato sette punti, direi un buon bottino. C’è da considerare il calendario: ci sono due partite in meno e una serie di variabili che ho riportato in una tabella che mi piacerebbe mostrarvi. Secondo me, ci sono le carte in regola per fare un girone di ritorno diverso, attingendo dal mercato e recuperando tutti i ragazzi che attualmente non sono a disposizione“.

PREOCCUPAZIONI IN VISTA DEL DERBY – “La principale è dover schierare calciatori che non hanno svolto nemmeno un allenamento. Se capitano infortuni muscolari, rischiamo di perdere giocatori per le gare successive e non è mica detto che li recuperi nella sosta. E’ una situazione al limite perché ci sono pochissimi cambi“.

PREPARAZIONE DI UNA PARTITA PENSANDO AI TAMPONI – “E’ sempre difficile. Siamo pochi, ma dobbiamo cercare di fare una partita importante. La stiamo preparando bene, con delle difficoltà evidenti. Oggi, non ci siamo allenati; ieri poca roba per riattaccare al gruppo qualcuno. Piangersi addosso non vale la pena, ma voglio solo capire bene questo regolamento. Ne ho parlato anche dopo la gara con la Lazio. Il criterio del 35% non c’era la scorsa settimana mentre, oggi, dicono che se ne mancano 9 su 25 non si gioca. Ma come vengono considerati i negativi senza idoneità medica? Partiremo in 12-13, con tanti giovani, a cospetto di un avversario eccellente. Loro vengono da una settimana normale, senza turni infrasettimanali di coppe. Si saranno preparati benissimo, hanno recuperato Insigne e il compito sarà difficile. Vogliamo rappresentare bene la città e la Salernitana“.

RIBERY – “Non è ancora in condizione. E devo verificare Simy che ha preso una botta. Domani farà un esame strumentale per capire l’entità dell’infortunio. Siamo questi, aggregheremo dei ragazzi della Primavera e faremo il possibile“.

CHIARIMENTO A LEGA E FEDERAZIONE E SENSO DEL CAMPIONATO IN TALE SITUAZIONE – “Lascio a voi giudicare, commentate voi. Mi attengo ai regolamenti, ma alcune cose non le ho capite. Mi devo adeguare ai protocolli. Che valenza ha una partita giocata così? Sia chiaro: il Napoli sarebbe stato avvantaggiato a prescindere, così come la Lazio. Ma se ho anche solo una chance per giocarmi la gara, perché Davide può battere Golia, oggi diventano zero. Gli undici che scendono in campo sono degni di rappresentare la maglia, ma la partita dura 90 minuti e non possiamo usufruire dei cinque cambi. Io mi pongo queste domande e interagisco con i medici per capire se il negativo non idoneo rientra nel 35%. L’iter prevede una visita approfondita, qualcuno è fermo da dieci giorni e non si allena. Se non superi l’esame come vengono considerati?

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

Il presidente della Salernitana Iervolino ha detto la sua a proposito delle notizie di mercato che avvicinano Cavani alla Salernitana

Calcio, Sport

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha parlato ai margini della celebrazione dei 130 anni de Il Mattino della situazione del calcio attuale ed anche del suo club