Cobolli Gigli: “Questa Superlega non mi appassiona”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Giovanni Cobolli Gigli, ex presidente della Juventus, è intervenuto quest’oggi sulle frequenze di Radio Kiss Kiss Napoli rilasciando alcune dichiarazioni: “La SuperLega? Il progetto iniziale avrebbe avuto ragione di essere pensato e di esistere in un’epoca diversa da quella attuale con questa crisi economica dovuta al covid. Più che la ricerca di maggiori ricavi, ritengo che le squadre di calcio debbano operare con saggezza nel settore dei costi, questi sono certi mentre i ricavi sono sempre fluttuanti. Non so quale sia stato il pensiero di questi club nel momento nella fondazione di questa SuperLega. Da tifoso bianconero sono contento se la Juve vince la Champions, perché è una competizione a cui si accede per meriti sportivi. Superlega? Quando è stato creato il progetto era ambizioso, qualche anno fa aveva ragione di esistere. Il calcio è arrivato ad un punto morto, invece di pensare ad aumentare i ricavi, i grandi club dovrebbero ridurre i costi. Da juventino preferivo vincere la Champions e non partecipare alla Superlega”.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare