Ceci: “Il mio contratto con Maradona è valido”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Stefano Ceci, amico e agente di Maradona fino al suo recente decesso, è intervenuto a Radio Kiss Kiss Napoli nel corso della trasmissione “Radio Goal” condotta da Valter De Maggio. Ceci, infatti, ha voluto fare chiarezza dopo le polemiche degli ultimi giorni a partire dalla maglia dedicata al “Pibe de Oro” indossata dagli azzurri nell’ultima sfida contro il Verona: “Ho tutti i diritti, ho un contratto di quindici anni rinnovabile per altri dieci firmato da Diego con tanto di avvocati, notaio e postilla delle ambasciate. Ho firmato un contratto col Napoli per l’immagine sua sulla maglia. Il contratto stabilisce che il 50% degli introiti andava a Diego e post-mortem agli eredi e già lo sto facendo con contratti arretrati”.

“Al momento gli eredi sono cinque – prosegue Ceci – con altri tre in attesa di essere riconosciuti e il tribunale di La Plata ha bloccato le somme che andranno sui conti correnti degli eredi di Maradona. Se io firmo un contratto da un milione, mezzo va a me e mezzo agli eredi. Se Diego jr dice che il contratto col Napoli è nullo non può dirlo né io né lui ma è un giudice a stabilirlo. Il tempo e la legge mi darà ragione sulla validità del documento. Io, intanto, continuo a fare contratti, nessun tribunale mi ha notificato qualcosa”.

Statua? “Confermo che verrà svelata prima di Napoli-Lazio. Sarà posta all’interno dello stadio, prima della partita ci sarà questo omaggio che faccio alla città e ai napoletano. La statua farà il giro della pista d’atletica e troverà posto nello spogliatoio, dove si incontrano le squadre con la terna arbitrale. Avrà le misure originali di Diego. Diego jr invitato? Certo, così come gli altri quattro eredi e se vuole anche il commissario Baglietto”.

Stefano Ceci ha poi raccontato della sua ultima volta in cui ha sentito Maradona: “Diego lo avevo sentito venti giorni prima del ricovero per il suo compleanno. Era stanco, lo avvertivo così ed era minato fisicamente. Conoscevamo i suoi problemi, si sentiva solo, è anche morto di stanchezza. Ha mollato. Era una persona sola”.

Da poco rilasciata su Prime Video una nuova serie tv dedicata al “Pelusa”, queste le considerazioni di Ceci: “A me non è piaciuta la figura del ragazzo, puoi essere un bravo attore ma non trasporta realmente ciò che è stato Diego da giovane”.

In chiusura questo ciò che Maradona, secondo Ceci, diceva di Insigne: “Diego lo aveva identificato come nuovo capitano e ha dimostrato il suo valore. La dieci, per Diego, era una maglia pesante che ti blocca le gambe, perché cambiarla se Insigne sta facendo bene già con la ventiquattro?”.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

Il tecnico azzurro ha commentato il match pareggiato a Reggio Emilia

Calcio, Sport

Il Napoli si fa raggiungere da 2-0 a 2-2 dal Sassuolo, Spalletti resta al primo posto, ma Milan e Inter si avvicinano rispettivamente a -1 e -2

Calcio, Sport

Spalletti punta ancora su Mertens in attacco, con Insigne e Lozano ai suoi lati. Dionisi conferma il suo tridente made in Italy

Calcio, Sport

La prevendita dei biglietti per il match vanno a gonfie vele

Calcio, Sport

L’ex tecnico azzurro ha elogiato il collega